Venerdì, 30 Luglio 2021
Sport

Sassuolo-Bologna 2-2 | Per i neroverdi due rimonte e un solo punto

Derby spettacolo al Mapei: Marlon e Boateng riacciuffano due volte il Bologna, ma la vittoria è ancora rimandata

Siamo nei minuti di recupero: Bourabia rimette in mezzo per Matri che tutto solo, sia pure contrastato alla meno peggio da Helander, non centra la porta completamente sguarnita. Sarebbe stato il 3-2 per il Sassuolo che invece prende ed incarta un solo punto da questo derby bellissimo, incerto sino alla fine e che comunque muove la classifica, interrompendo una tradizione negativa che voleva il Bologna vincente nelle ultime tre sortite a Reggio Emilia. Uno spot per il calcio, comunque sia, al di là delle recriminazioni di questo o di quello. Finisce 2-2 al Mapei ricco di pathos, di errori, di belle giocate ma anche di tante occasioni da gol che hanno fatto gioire ed imprecare a fasi alterne i sostenitori delle due squadre. Il Sassuolo pesa sulla bilancia delle palle gol qualcosa in più del Bologna, ma comunque ha dovuto risalire per ben due volte la corrente anche e soprattutto per colpa delle sue amnesie difensive, che De Zerbi ancora non riesce a limitare. Un altro pareggio, quindi per i neroverdi, dopo quello a reti inviolate di Marassi sponda Samp. E il mantra del “processo di crescita” che è ancora in divenire, può continuare anche questa volta.

LA CRONACA - Pronti, via ed il Sassuolo va subito sotto. Il Bologna è super aggressivo, guadagna  un angolo, sugli sviluppi del quale Santander assiste Palacio che sorprende Consigli, rimasto inchiodato fra i pali. Le lancette dei minuti non hanno compiuto neanche il secondo giro. I neroverdi tardano ad assestarsi, ed il Bologna sfiora il clamoroso raddoppio al 5’. Punizione di Pulgar, deviata in angolo. E ancora da palla ferma i felsinei attentano alla porta neroverde. Santander, detto “el ropero”, però colpisce solo il palo. Il rimbalzo dal montante si rivela un comodo assist per il contropiede velocissimo del Sassuolo. Sono in due – Di Francersco e Berardi contro nessuno.  Proprio Federico si fa recuperare in maniera clamorosa da Pulgar, fallendo un gol “fatto”.  All’11’ lo stesso Di Francesco avrebbe sul sinistro la palla buona, ma il suo tiro è centrale e facile preda di Skorupski. Il Sassuolo riacciuffa il pari con un terrificante destro di Marlon che si infila a mezza altezza alla destra di Skorupski. I ritmi sono altissimi, il match è ricco di spunti e di palle gol. Al 22’ Pulgar pesca Palacio in area, ma l’ex interista, tutto solo, spreca non riuscendo a girare a rete. La squadra di De Zerbi spesso ci prova con tiri da fuori, come al 23 ed al 28’ con Berardi, che sfiora il palo in entrambe le occasioni. Sale il tono agonistico e di conseguenza aumentano i falli. Doveri sventola qualche cartellino (sono quattro all’intervallo).  Al 39’ recupera e lancia Babacar, solo una grande chiusura di Gonzalez al limite dell’area, evita guai grossi ai rossoblù.  Poco prima dell’intervallo Di Francesco pesca Djuricic al limite dell’area, ma questi vuol strafare, inventandosi un tacco che intendeva servire Babacar, ma nel dialogo si inserisce Mbaye che intercetta. Al 2’ di recupero rischia grosso Helander che svirgola in area, rischiando l’autogol, per sua fortuna la palla finisce solo in angolo.

La ripresa si apre subito con una grande chance per il Sassuolo. A vanificare un grande spunto di Djuricic è Rogerio che al 2’ non ci crede e non si getta in scivolata su assist a pelo d’erba del compagno. La pioggia aumenta la sua azione, e benché il terreno cominci a diventare infido e scivoloso, non cala il ritmo. Il Bologna – a detta dei tanti cronisti ospiti – è il migliore della stagione. Il Sassuolo, invece combina sempre qualche marachella in difesa (centrali non impeccabili, per usare un eufemismo) e paga dazio quasi subito.  Al 9’ Svanberg in contropiede non è preciso nell’assist a Santander che riesce pur sbilanciato a concludere, Ferrari devia in angolo. Il gol bolognese arriva puntale, al 14’: corner battuto corto, Orsolini pesca Gonzalez che fa da sponda per Mbaye che insacca da due metri. Sassuolo per un po’ quasi spettatore, le energie spese sono tante ed il Bologna è ben messo in campo a presidiare ogni spazio. De Zerbi si gioca la carta Matri, di fatto – con la precedente uscita di Di Francesco a vantaggio di Boateng – è un 4-2-4.  Al 29’ Berardi ci riprova ma il risultato è sempre quello: fuori misura, sia pure a fil di traversa. Un altro “tentativo” di autorete dei rossoblù, stavolta di Gonzalez al 36’ che impegna Skorupski a smanacciare il pallone oltre la traversa. Un varco, però, il Bologna lo concede ancora e stavolta la pezza è peggiore del buco. Sensi fila via e viene steso appena dentro l’area da Calabresi. Dal dischetto Boateng freddissimo, non c’è scampo per Skorupski.  Non è finita. Il Bologna, accartocciatosi troppo in difesa, rischia due volte. Al 45’ (parte alta della traversa colpita da Bourabia) e poi al 48’ addirittura i neroverdi si divorano il gol della vittoria con Matri che sfida le leggi della fisica e tira alto a mezzo metro dalla linea bianca.  Finisce così 2-2 una bella partita con le due squadre che si sono date battaglia per 96 minuti complessivi. Il Sassuolo avrebbe forse meritato qualcosa di più, ma pure tira un sospiro di sollievo per  essere riuscito a riacciuffare, a 5’ dalla fine,  un match che appariva compromesso. 

IL TABELLINO
GOL: 2’ Palacio, 17’ Marlon; nel s.t. 14’ Mbaye, 39’ rig. Boateng.  
SASSUOLO (4-3-3): Consigli 5,5; Marlon 6, Magnani 5, Ferrari 5,5 Rogerio 5,5; Bourabia 7 Magnanelli 6. Djuricic 6,5 (32’ st Sensi s.v.); Di Francesco 5 (18’ st Boateng 7),  Babacar 5,5 (27’ st Matri 5), Berardi 6. A disp.: Pegolo, Lemos, Peluso, Sernicola, Lirola, Boateng, Dell’Orco, Locatelli, Adjapong. All.: De Zerbi 6.
BOLOGNA (4-3-3): Skorupski 6,5; Calabresi 5,5, Helander 5,5, Gonzalez 6, Mbaye 6,5; Poli 6, Pulgar 6, Svanberg 6 (28’ st Krejci s.v.); Orsolini 6,5 (19’ st Dzemaili 6), Santander 6,5, Palacio 6,5 (41’ st Falcinelli s.v.)A disp.: Da Costa, Santurro; De Maio, Paz,  Valencia, Destro, Corbo, Okwonkwo, Nagy. All.: F.Inzaghi 6. 
ARBITRO: Doveri di Roma (assistenti Tasso di La Spezia e Schenone di Genova; quarto ufficiale Rapuano di Rimini; V.A.R.: Pairetto; assistente V.A.R. Fiorito di Salerno). 
NOTE: ammoniti 19’ Poli, 28’ Ferrari, 37’ Magnanelli, 41’ Svanberg; nel s.t. 4’ Palacio.  Recupero 2’, 4’. 
SPETTATORI 12647 (5478 paganti+7169 abbonati). INCASSO: 147.015 (69030+quota 77985).

I migliori: Boateng 7 (ha spaccato la partita, ed ha pure dimostrato piede caldissimo al momento del rigore all'85'); Bourabia 7: non finisce mai. C'è il suo zampino nelle due occasioni che potrebbero dare al Sassolo un 3-2 insperato ma in fondo meritato.
I peggiori: Di Francesco 5 (Si divora un gol fatto). MATRI 5 (vedi Di Francesco). MAGNANI 5 ( balla sempre e comunque, una giornata storta. Con lui gli attaccanti del Bologna trovano un'inopinata  giornata di gloria).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sassuolo-Bologna 2-2 | Per i neroverdi due rimonte e un solo punto

ModenaToday è in caricamento