Torneo Boldrini, gol e sorrisi per un inverno targato CSI Modena

Si sono disputate le finali del torneo che CSI Modena ha dedicato all’ing. Lino Boldrini. Una manifestazione tra le più partecipate a livello nazionale. Più di 4mila i piccoli calciatori che si sono divertiti con la palla tra i piedi

Giunto alla 25a edizione, per tutti è ormai un punto di riferimento. E anche quest’inverno il Torneo Boldrini “In gol per l’educazione” non ha tradito le attese di quei bimbi e quei ragazzi che, dalla montagna alla bassa, attendevano con impazienza l’inverno per poter giocarsi al meglio le proprie carte.

Ecco alcuni numeri della competizione: 352 squadre ai nastri di partenza in rappresentanza di 69 società sportive, 736 match disputati in 43 impianti sparsi per tutta la provincia, più di 4mila piccoli calciatori che, in questi 12 weekend, si sono divertiti e impegnati giocando insieme ai coetanei nelle palestre e sui campi sintetici.

Risultati delle finali

Juniores a 7: Consolata-Pietra di Castello 5-4 dts
Allievi Sperimentali a 7: Terre di Castelli-Limidi 1-3
Allievi a 7: Pavullo-Monari 2-4
Giovanissimi a 7: Cabassi Union Carpi-Monari 10-3
Under 14 a 7: Castelvetrese-Virtus Castelfranco 1-3
Esordienti a 7: Taccini-La Veloce Fiumalbo 3-0
Esordienti a 5: Junior Fiorano-Corlo 12-0
Under 12: Pgs Smile-Consolata 4-5
Pulcini a 7: Villa d’Oro-Consolata Blu 2-5
Pulcini a 5: Cdr Mutina-Sanmichelese 3-6
Under 10 a 7: Consolata-San Faustino 1-3
Under 10 a 5: Pozza-Monari 2-4
Primi Calci a 7: Consolata-Castelnuovo 3-2 dts
Primi Calci a 5: Cdr Mutina-Audax Casinalbo 4-3 dts
Under 8 a 7: Sanmichelese-Cdr Mutina 2-1
Under 8 a 5: Virtus Ancora-Junior Fiorano 0-5
Baby a 5: Colombaro-Sanmichelese 1-8

Questa 25 esima edizione del Torneo Boldrini, che rientra nelle iniziative sportive patrocinate dalla Regione Emilia-Romagna attraverso il logo "E-R Vince lo sport", ha posto come sempre l’accento sul tema dell’educazione e non della competizione, per limitare l'agonismo eccessivo valorizzando invece il lato “educativo” dello sport di squadra e i fondamentali della tecnica calcistica.

Nel corso del torneo, durante un’intera giornata di calcio giovanile che ha coinvolto anche squadre provenienti da altre regioni d’Italia, a genitori e allenatori è stato somministrato un questionario sul significato dello sport giovanile. Ecco che cosa ne è emerso in sintesi.

La maggior parte dei tecnici, rispondendo a questa domanda, si concentra sull’aspetto della socializzazione, mentre i genitori al primissimo posto mettono l’importanza di imparare le regole del ‘vivere insieme’. Interessante la convergenza di tecnici e genitori nel quesito inerente ai doveri dell’allenatore: su una lunga lista di opzioni, entrambe le componenti sviluppano lo stesso podio.

Come prima cosa il mister deve ‘suscitare spirito di squadra’, poi ‘costruire buone relazioni con gli atleti’ e ‘gestire conflitti e tensioni’.

E ad enti come il Centro Sportivo Italiano, cosa chiedere? I tecnici apprezzerebbero corsi di formazione psicologica e relazionale per allenatori e dirigenti, le famiglie vorrebbero come prima cosa sanzioni per i comportamenti antisportivi dei genitori. Due temi condivisi: gli istruttori hanno messo al secondo posto la ‘prima scelta’ dei genitori, e viceversa.

Ripartiamo da qui. Chi ha a che fare coi più piccoli ha voglia di rendere il mondo dello sport un posto più bello. Mister o dirigenti, mamme o papà. Tutti, come si evince dall’ultima risposta, hanno l’obiettivo di migliorare innanzitutto loro stessi, perché, come diceva Madre Teresa di Calcutta, “sappiamo bene che ciò che facciamo non è che non è che una goccia nell’oceano, ma se questa goccia non ci fosse, all’oceano mancherebbe”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si toglie la mascherina e sputa ai carabinieri, denunciata insieme al compagno

  • Coronavirus, altri 139 casi a Modena. I decessi salgono a 61

  • Contagio. Sforata quota 10mila positivi, con 800 nuovi casi. "Trend in diminuzione"

  • LE FOTO | Modena, posti di blocco ad est e ovest della città "fantasma"

  • Boato e lieve scossa di terremoto, epicentro a Cavezzo

  • Dalla “spesa di guerra” alla “spesa di conforto”, cambiano gli acquisti da quarantena

Torna su
ModenaToday è in caricamento