Giovedì, 13 Maggio 2021
Sport

Varese Modena 0-0 | Un immenso Caglioni salva capra e cavoli

Le grandi parate dell'estremo difensore gialloblu hanno tenuto a galla un impalpabile Modena su un campo di gioco ridotto ad una risaia dalla pioggia incessante

Nicholas Caglioni

Ha di che recriminare questo Varese: su un campo ai limiti della praticabilità, la formazione lombarda non ha acciuffato la vittoria a causa di un Nicholas Caglioni che ha profuso anima e corpo nel riscattare la brutta prestazione rimediata nel derby con il Sassuolo. Buon pareggio esterno? Ma anche no. A giocare a calcio in mezzo al campo c'è solo De Vitis e la prima palla gol canarina o è arrivata all'83esimo con Nardini. Sprecata, quindi, l'ennesima ultima chiamata da questo Modena incapace di rendersi pericoloso.

CRONACA - Il Varese non vuole fare sconti e rende subito chiaro il concetto: al quarto minuto, tiro da lontano di Cellini, Caglioni si distende in angolo. Di nuovo Cellini, lanciato bene sulla destra, trova una conclusione centrale che il numero uno gialloblu blocca con relativa facilità. Il primo tempo si addormenta per un quarto d'ora buono quarto d'ora buono: improvvisamente, Bernacci e Nardini si ritrovano lanciati in porta contro due avversari. L'ex attaccante dell'Ascoli trova il primo passaggio filtrante positivo di tutto il campionato, Nardini tira ma è bravo il difensore a chiudere lo spazio. L'attacco varesotto ha un conto aperto con Caglioni: anche l'ex sassolese Martinetti si vede negata la gioia del gol da un colpo di reni prodigioso del portiere in gran spolvero. Nel secondo tempo, la noia prevale sulle iniziative tecniche, complice anche un campo ai limiti della praticabilità che scoraggia a giocare basso il pallone. Casualmente, il Modena ottiene un calcio di punizione sulla trequarti avversaria: dopo uno schema assurdo dei gialloblu, Fabinho tira da fuori area e il pallone colpisce accidentalmente il braccio di un difensore. L'arbitro Viti lascia proseguire, i giocatori modenesi protestano. Negli ultimi 20 minuti, la partita si ravviva un poco: il Varese cerca più insistentemente la vittoria con Martinetti che ancora una volta spreca a lato colpendo di testa. Rovesciamento di fronte e il Modena all'83esimo trova la prima nitida occasione da gol: Nardini calcia in porta, Bressan è attento e preparato, nonostante l'inattività odierna e tutta l'acqua presa nel corso della partita. Il triplice fischio dell'arbitro interrompe gli sbadigli dell'Ossola. Il Varese perde due punti, il Modena è da mani nei capelli.

LA SVOLTA - Un Modena senza mordente, incapace di mettere in campo gli attributi e di mostrare una reazione degna del rispetto dei tifosi canarini dopo la sconcertante prestazione offerta nel derby, non riesce a dare un senso alla partita. Sintomo di tutto ciò, sono le sostituzioni (Stanco per Bernacci e Giampà per Ciaramitaro) fatte solamente per dare qualche minuto nelle gambe a certi giocatori e non per cambiare direzione all'incontro.

VARESE (4-4-2). Bressan; Pucino, Troest, Camisa, Grillo; Zecchin, Corti, Kurtic (67', Damonte), Carrozza (87', Filipe); Cellini (57', De Luca), Mrtinetti. All. Maran

MODENA (4-5-1). Caglioni; Milani, Turati, Perna, Carini; Fabinho, Ciaramitaro (81', Giampà), Petre, De Vitis, Nardini; Bernacci (79', Stanco). All. Bergodi

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Varese Modena 0-0 | Un immenso Caglioni salva capra e cavoli

ModenaToday è in caricamento