Sport

Verona Carpi 1 - 2 | Di Gaudio e Lasagna affondano i gialloblù

I biancorossi agguantano la zona salvezza espugnano il Bentegodi con due prodezze, provvisorio pari di Ionita. Castori indovina tutto

Prima Totò Di Gaudio con un’ubriacante serpentina, poi Kevin Lasagna con una magistrale punizione da distanza siderale. In mezzo il pari di Ionita, ma prima e dopo tanto Carpi. Un successo fondamentale per i biancorossi che agganciano il Palermo a 28 e con i rosanero la zona salvezza. Una gara quasi perfetta. Lucido compatto e determinato, pungente e cinico in avanti, carico e propositivo in tutte e due le fasi. Una prova ricca di qualità e sostanza, di personalità. Quella che ci voleva per animare la lotta per una salvezza che fino ad una settimana fa sembrava impossibile.
Zaccardo solo in panchina, Castori fa riposare anche Letizia, per puntare sui centimetri di Poli e Suagher, insieme a Romagnoli e Gagliolo per contrastare la fisicità dell’Hellas. Confermata in blocco la linea dei centrocampisti, in avanti Lollo dà manforte a Mbakogu. Il Verona  schiera Toni e Pazzini, con Siligardi e Wszolek sulle fasce, Del Neri gioca il tutto per tutto.  
Il Carpi va subito vicino al gol 4’. Azione di Pasciuti, sponda di Di Gaudio e traversa di Bianco a far capire che i biancorossi non hanno alcuna intenzione di subire il gioco degli scaligeri. Al 10’ risponde il Verona, con un bella trama in velocità. Fares va via a Poli, mette in mezzo per Toni che inzucca a colpo sicuro, iracolo di Belec che ci arriva con la manona e devia in corner quando tutti gridano al ol.   Al 19’ percussione di  Di Gaudio, ben servito da Mbakogu, chiuso in corner da Helander. La partita è quello che é. Dura, fisica, ma corretta. E tutt’altro che spettacolare. Il primo giallo è per Pisano, dopo la mezz’ora. AL 36’ Carpi vicino al gol con Mbakogu che schiaccia di testa da pochi passi ma non inquadra la porta. Errore clamoroso su perfetto assist di Di Gaudio. Il gol è rimandato di qualche minuto.  Fa tutto Di Gaudio, che supportato da Lollo, ruba palla a Siligardi e fila via verso l’area, supera come birilli due difensori e indovina un destro a giro che brucia Gollini. Carpi in vantaggio a metà gara, Hellas sommersa dai fischi del suo delusissimo pubblico. 
Prova a far qualcosa Delneri, sostituendo Pazzini e Siligardi con Rebic e Viviani, cambiando anche il modulo inziale in 4-2-3-1. Dopo qualche minuto risponde Castori, che toglie il sofferente Lollo  a vantaggio di Crimi. Il Verona ci prova, alza il baricentro Ma comunque è il Carpi a confezionare un altro buon pallone con una verticalizzazione di Cofie per Mbakogu, conclusione rimpallata da Helander in angolo.  Il Carpi però si abbassa troppo, il Verona riagguanta il match proprio come temeva il Carpi. Ovvero con bel colpo di testa di Ionita su angolo di Rebic. E’ il 18’, ma il bello deve ancora arrivare. Lasagna, già sul “cubo” delle sostituzioni prima del pari veneto, entra al posto di Mbakogu. E ci mette quattro minuti per inventarsi un gol stratosferico su calcio piazzato. Un sinistro magico da 25 metri, una foglia morta che si spegne all’incrocio dell’esterrefatto Gollini. Carpi di nuovo avanti e per la prima volta in rete su calcio piazzato da due anni in qua. Era l’ultima giornata del torneo di B 2013-14, fu Inglese a bucare Capuano a Castellammare di Stabia. Il Il gol di KL15, il decimo dei panchinari biancorossi in stagione,  produce l’effetto di un cazzotto in faccia per gli scaligeri. Al 35’ è Rebic a colpire di testa su cross di Pisano, ma viene provvidenzialmente “disturbato” dal Ionita. Negli ultimi 20 non succede più nulla, il Carpi annulla tutte i tentativi dei padroni di casa, disordinati ma in qualche frangente pericolosi per la porta di Belec. E si prende tre punti pesantissimi che stasera, fino alla sosta pasquale, significano zona salvezza.    
IL TABELLINO
HELLAS VERONA – CARPI 1-2(0-1)
GOL:  42’ Di Gaudio; nel s.t. 18’ Ionita, 22’ Lasagna. 
HELLAS VERONA (4-4-2):  Gollini 5,5; Pisano 6, Moras 5,5, Helander 6, Fares 6; Wszolek 6, Marrone 5,5 (25’ st Gomez 6), Ionita 6,5 Siligardi 5 (1’ st Viviani 6); Toni 5, Pazzini 5 (1’ st Rebic 5,5). A disp.: Coppola, Marcone, Samir, Jankovic, Gilberto, Furman, Greco, Bianchetti, Emanuelson. All.: Delneri 5,5. 
CARPI: (4-4-1-1): Belec 7 ;  Poli 7 Romagnoli 7, Suagher 6,5, Gagliolo 7; Pasciuti 6,5 Bianco 7 Cofie 7,  Di Gaudio 8; Lollo 6 (8’ st Crimi 6) ; Mbakogu 6 (18’ st Lasagna 8). A disp.: Colombi, Sabelli, Letizia, Zaccardo, Daprelà, Porcari, Crimi, Verdi,  Mancosu. All.: Castori 8.
ARBITRO:  Russo di Nola (ass. Marrazzo e Del Giovane, quarto uomo Di Vuolo, add. Mariani e Ghersini). 

NOTE: espulso Rebic per doppia ammonizione al 44’ st; ammoniti pt 32’ Pisano,  st 9’ Suagher, 37’ Rebic, 39’ Poli, 44’ Rebic.  Recupero 1’, 5’. Spettatori  17707 (paganti 4440, abbonati 13267, incasso totale 232037,91 euro. ). 
.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona Carpi 1 - 2 | Di Gaudio e Lasagna affondano i gialloblù

ModenaToday è in caricamento