rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Volley

B1: brividi e gioia, Montale risorge nel big match contro Cremona

Dopo la prima sconfitta stagionale, le emiliane hanno conquistato due preziosi punti che rafforzano il loro primato

Mercoledì da brividi al “Pala Cambonino” di Cremona, dov’è andato in scena il recupero dell’11ª giornata del girone “D” del Campionato Nazionale di Serie B1 femminile tra Esperia Cremona ed Emilbronzo 2000 Montale. Le nerofucsia vincono un match importantissimo al tie-break. Non poteva non finire al quinti set la sfida tra la prima e la seconda della classe. È un recupero scoppiettante quello andato in scena sul taraflex di Cremona, che ha segnato il ritorno alla vittoria della capolista dopo l’unico stop stagionale subito sabato scorso a Reggio Emilia. L’Emilbronzo 2000 Montale parte in salita, subendo il gioco dell’Esperia Cremona nel primo set ma riprendendosi poi alla grande nel secondo e terzo parziale, vinti entrambi dominando. Le lombarde allungano la sfida al tie-break, ma in quest’ultimo non fanno i conti con una straripante Ginevra Giovagnoni, che entrata dalla panchina piazza un clamoroso turno al servizio e conduce alla vittoria le nerofucsia. Una vittoria che consente a Montale di allungare in classifica proprio su Cremona, ora distante sette lunghezze, con le lombarde che però hanno una gara da recuperare. Top scorer del match è stata l’incontenibile Sara Lodi (26 punti), seguita da Giulia Visintini (17 punti). 

Primo set. Magri parte con Arcuri e Lodi sulla diagonale principale, Coppi e Pedretti in banda, Brandini e Crestin al centro e Zampedri libero. Ghibaudi schiera Lancellotti e Visintini sulla diagonale principale, Frangipane e Giardi in banda, Gentili e Fronza al centro con Bici libero. Padrone di casa che partono con un break, murando il primo attacco di Visintini, con quest’ultima che nello scambio successivo appoggia sulla rete (2-0 Cremona). Break subito restituito con Montale avanti 3-2. Fasi di gioco confuse, soprattutto nel campo nerofucsia, con Ghibaudi che ferma il gioco sull’8-5 per l’Esperia. Le padrone di casa allungano (+4) con l’infrazione di Montale, e Ghibaudi sul 15-11 per Cremona chiama il secondo time-out. Break Montale con tre punti consecutivi chiusi dal muro di Giardi (15-16). Un mani-out subito da Frangipane riporta avanti di tre Cremona (19-16). Break chiuso da Fronza, dopo la pipe spedita out da Coppi, per il nuovo meno uno (18-19), con conseguente time-out di Magri. Si torna in campo con l’attacco out di Pedretti e con la parità ristabilita (19-19). Lodi chiude un nuovo break per Cremona (21-19), poi erroraccio in ricezione di Frangipane che regala il 22-19. Frangipane che lascia il campo per far spazio ad Aguero. Aguero che tocca out un attacco di casa (23-20), e per un parziale che alla fine si aggiudica, sul velluto, Cremona (25-20). Cinque punti a testa per Brandini, Lodi e Fronza.

Secondo set. Nessuna modifica ai due sestetti. Il primo break è di Montale, col muro di Gentili che vale il 3-2. È sempre la centrale nerofucsia a chiudere uno scambio infinito per il 4-2, seguito dal 5-2 firmato Giardi. Sul muro di Visintini che vale il 6-2, Magri manda in campo Ravera per Lodi. Break Cremona con Pedretti (4-6), al quale risponde subito Montale con Visintini (8-4), seguito dall’errore in attacco di Pedretti (9-4 e time-out Magri). 10-4 Montale e Magri chiude il cambio con Lodi che torna in campo al posto di Ravera. Le nerofucsia mantengono il più sei, prima di incrementarlo con Frangipane (13-6). Visintini in parallela fa 14-6, mentre Magri manda in campo Decordi al posto di Pedretti. Montale continua a spingere dalla battuta e con la fast di Fronza va sul 15-6. Prova a riavvicinarsi Cremona con l’ace di Decordi (9-15). Due muri consecutivi (Fronza e Frangipane) portano Montale avanti 17-9. Cambio in regia per Magri con Rizzieri al posto di Arcuri. Di nuovo in campo Aguero, che prende il posto di Frangipane per il servizio. Sul 19-11 dentro anche Del Romano per Fronza al servizio. Coppi attacca out il pallone del 20-12 per Montale, poi fast vincente di Gentili (21-12) e ultimo time-out per Magri. Tre punti consecutivi per l’Esperia, con l’ultimo dei tre che è un ace di Crestin su Aguero (15-21 e primo time-out per Ghibaudi). Si riavvicina ancora Cremona con Gentili che spedisce out una fast (16-21), poi rimedia Visintini (22-16). Ace di Lodi su Giardi (18-22) con quest’ultima che subito dopo lascia il campo per Ginevra Giovagnoni. Aguero attacca out il 20-23 e costringe Ghibaudi all’ultimo time-out. Fronza mette giù il 24-20, per un set che si chiude con l’ace di Lancellotti (25-20). Sette i punti di Visintini, quattro per Gentili, Fronza e Lodi.

Terzo set. Magri cambia in regia inserendo dall’inizio Rizzieri al posto di Lodi, nessun cambio invece per Ghibaudi. Partenza sprint di Montale, che preme sull’acceleratore e va sul 3-0 con l’ace di Lancellotti. Montale sale fino al 6-1 prima subire il break (3-6). Il muro di Frangipane mette il più quattro sulle lombarde (10-6). Frangipane on-fire attacca a tutto braccio la palla dell’11-6, poi l’attacco out di Lodi (12-6) e time-out Magri. Fronza presidia alla grande la rete e ad una mano manda nel campo avversario il 14-7, poi muro di Frangipane per il 15-7. Nel frattempo Magri cambia nuovamente la regia, con Arcuri che riprende il suo posto a scapito di Rizzieri. Dentro anche Decordi per Pedretti. Bici fatica parecchio in ricezione, e Cremona prova a riavvicinarsi (10-16). Contro-break Montale con l’errore di Coppi (19-11), poi Giardi porta le nerofucsia a quota venti attaccando forte in diagonale (20-12). Ace di Fronza per il 21-12, poi sul 22-12 c’è l’ultimo time-out di Magri. Si riprende col muro di Giardi (23-12), poi Ghibaudi deve chiamare time-out sul ritorno delle lombarde (17-24). Ma Montale alla fine chiude a proprio favore un set a senso unico (25-17). Sei i punti di Frangipane, quattro quelli di Lodi.

Quarto set. Nuovamente dentro Arcuri al posto di Lodi, e dentro anche Decordi per Pedretti. Ghibaudi invece non cambia le carte in tavola. La partenza è equilibrata, poi break nerofucsia col muro di Gentili per il 3-2 Montale. La risposta dell’Esperia è immediata col contro-break firmato Lodi (4-3), che poi mette giù anche il più due (5-3). Nonostante gli straordinari di Zampedri, Visintini mette giù la palla del 4-5. Il primo time-out lo chiama Ghibaudi sull’errore sotto rete di Gentili che vale il 7-4 per Cremona. Fronza e compagne perdono smalto, vanno sotto 10-5 con la murata su Frangipane e Ghibaudi spende anche il secondo time-out. Lodi non si tiene in nessun modo, e dopo lo stop trova il mani-out dell’11-5. Ghibaudi richiama in panchina Frangipane e manda in campo Ginevra Giovagnoni, che trova subito il punto del 6-11. Lodi continua ad essere un’ira di Dio e trova il campo da ogni dove: mette a terra il pallone del 13-6, mentre Ghibaudi sostituisce Bici con Cioni. Invasione di Giovagnoni che fa scappare Cremona (15-7), poi tanto per cambiare è ancora Lodi a fare la voce grossa, e questa volta con il muro, fa 17-8. Giardi chiude a favore di Montale una serie di tre punti consecutivi (11-17) che portano Magri a chiamare il primo time-out. Break Cremona (19-11) con un quarto tocco dubbio fischiato alle nerofucsia. Ace di Crestin su Cioni (21-12), poi Giardi a fondo campo trova il 13-21). Ghibaudi dà il set per compromesso e manda a rifiatare Lancellotti e Visintini, facendo entrare Lucrezia Giovagnoni e Del Romano. Sul 22-14 per Cremona, entra Marinelli al servizio che però non incide. Fronza mura Coppi per il 16-23, ma la schiacciatrice lombarda si rifà mettendo il sigillo sul 24-16. L’errore di Marinelli dà poi il 25-16 definitivo a Cremona. Dieci i punti di Lodi, quattro quelli di Coppi.

Quinto set. Sestetti invariati rispetto all’inizio del quarto parziale, e tie-break che si apre con l’ace di Lancellotti. Risposta immediata dell’Esperia col contro-break chiuso da Coppi (2-1). Il gioco si sviluppa su un filo di lana. Visintini mette già la palla del 4-4, ma il primo allungo è dell’Esperia che va sul 6-4 grazie all’errore di Giardi. Schiacciatrice toscana che viene sostituita con Giovagnoni e con Ghibaudi che subito dopo chiama il primo time-out. Montale recupera il break e sfrutta molto bene il servizio di Giovagnoni: arrivano quattro punti consecutivi, l’ultimo firmato Gentili prima del cambio campo sull’8-6 per Montale. Giovagnoni continua a fare sfaceli dal servizio, piazza l’ace del 10-6 e costringe Magri a chiamare il primo time-out. Lo stop non cambia l’inerzia del match: Frangipane firma l’11-6, mentre Magri addirittura sostituisce Lodi con Ravera. Sempre Frangipane per il 12-6, poi ace Giovagnoni (13-6). Ancora Frangipane: 14-6 e time-out Magri. La parola fine la mette Gentili (15-8). Tre punti a testa per Gentili, Ginevra Giovagnoni, Lodi e Coppi. Il tabellino del match:

ESPERIA CREMONA-EMILBRONZO 2000 MONTALE 2-3 (25-20; 20-25; 17-25; 25-16; 8-15)

CREMONA: Arcuri 2, Lodi 26, Coppi 16, Pedretti 4, Brandini 10, Crestin 5, Zampedri (L1), Decordi 7, Ravera 0, Rizzieri 0, Martino 0. All.: Valeria Magri.

MONTALE: Lancellotti 4, Visintini 17, Frangipane 13, Giardi 7, Gentili 10, Fronza 15, Bici (L1), Del Romano 0, Giovagnoni L. 0, Aguero 0, Marinelli 0, Giovagnoni G. 5, Cioni (L2), Odorici ne. All.: Andrea Ghibaudi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

B1: brividi e gioia, Montale risorge nel big match contro Cremona

ModenaToday è in caricamento