Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Borghi Modenesi | Viaggio tra le bellezze e le leggende di Castelfranco Emilia

Un viaggio alla scoperta delle leggende, delle curiosità e dei luoghi più interessanti da vedere a Castelfranco Emilia, la capitale del tortellino

 

Con Castelfranco Emilia, capitale del tortellino, inizia la rubrica video Borghi Modenesi, attraverso la quale riscopriremo i comuni della nostra provincia, raccontandone la storia, le leggende, i luoghi da visitare e le curiosità. Parte il nosto viaggio da Castelfranco Emilia, in quanto da sempre una terra di confine tra il bolognese e il modenese. Infatti, fu durante il medioevo un territorio più volte soggetto e scontri tra le due città, per passare definitivamente nel 1506 sotto Bologna, fino a quando nel 1929 il comune fu inserito nella provincia modenese. Data la sua origine paludosa, non vi sono testimonianze di antichi insediamenti, finchè nel 44 a.C., non fu protagonista di una delle più importanti battaglie dell'antica Roma, ovvero la guerra di Modena, che diede avvio all'Impero Romano. 

Oggi il comune è quarto per popolazione ed è il principale per l'attività agricola, dato che un decimo del territorio è destinato a quel tipo di attività, eppure il simbolo di questo paese rimane il tortellino. Qui infatti si racconta che presso la Locanda Corona, un oste avrebbe inventato questo prodotto gastronomico noto in tutto il mondo ispirandosi all'ombelico di una donna bellissima guardata attraverso il buco della serratura. Per ricordare questa leggenda, è stata realizzata da Gianni Ferrari la statua in bronzo del tortellino, che racconta appunto la storia narrata poi anche da Alessandro Tassoni e Giuseppe Ceri. 

Altrettanto interessanti sono il castello di Panzano, uno degli edifici cinquecenteschi più belli della regione, e Villa Sorra, nota per il suo giardino. Tornando in centro storico, vale la pena una visita presso la chiesa di San Giacomo, risalente al duecento, seppur successivamente abbellita e amplita. E per concludere questo tour, non può mancare una passeggiata sotto la lunga sequenza di portici di via Emilia, decorati con bellissimi murales. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento