rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024

VIDEO | Più tavoli per giocare in Fiera e più eventi in città, arriva Play 2023

Circa 28mila metri quadrati di area coperta in cinque diversi padiglioni, più di 150 espositori, sessanta associazioni coinvolte, una cinquantina di ospiti tra cui star internazionali del gioco da tavolo, 2.500 tavoli pronti per giocare, 7.000 sedie, migliaia di titoli tra grandi classici, ultime novità e anteprime mondiali, incontri e convegni sul ruolo fondamentale del gioco nella nostra vita. 

Sono i numeri più significativi che anticipano Play - Festival del Gioco, l'evento del settore ludico più importante d'Italia che torna dal 19 al 21 maggio a ModenaFiere. Per scoprire l'edizione 2023 abbiamo intervistato Andrea Ligabue, Direttore artistico di Play.

Play 2023, un weekend tutto da giocare a ModenaFiere 

Organizzato da ModenaFiere in collaborazione con Ludo Labo e il supporto di Club TreEmme, La Tana dei Goblin e altre decine di associazioni ludiche italiane, Play rappresenta un punto di incontro imprescindibile per i tanti appassionati di gioco e una full immersion con tantissime opportunità per divertirsi e stare insieme, scoprire nuove proposte e conoscere quanto il gioco costituisca, prima di tutto, un momento di socialità ed espressione creativa, utile anche per comprendere meglio il mondo che ci circonda.

Il tutto in un momento storico in cui il gioco in scatola e il gioco di ruolo stanno vivendo un vero e proprio "rinascimento", come spiega lo stesso Ligabue: "In tempi in cui tutto si fa online i board game offrono uno stimolo in più a incontrarsi di persona, ad aggregarsi; ma soprattutto stimolano la fantasia, la creatività e riducono lo stress e l'impulsività poiché, prima di ogni mossa, è richiesta un'attenta riflessione sulle proprie azioni, che sottolinea anche come il gioco da tavolo alleni la competizione buona e, in alcuni casi anche lo spirito di squadra - oltre che lo sviluppo importantissimo di alcune funzionalità cognitive visto che, ad essere letteralmente chiamate in gioco sono skills come memoria, problem-solving, senso critico, ma anche la capacità di dialogo, di ascolto e di comprensione. Non ultimo, nei più piccoli sono un ottimo modo per sviluppare il cosiddetto senso civico, istruendoli al fatto che, nel gioco, così come nel mondo reale, ci sono regole da rispettare, cose che si possono fare ed altre che invece sono vietate. Senza contare che solo con la collaborazione e cooperazione si può realmente giungere al proprio obiettivo, che in questo caso è vincere la partita".

Si parla di

Video popolari

ModenaToday è in caricamento