Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Per anni scambiato per un cane, lupo melanico soccorso dal Pettirosso

 

Un lupo tutto nero come quello delle favole, anche se a guardarlo sembra il più tenero dei cuccioli con i suoi occhi spaesati a volte intimoriti. La sua storia è incominciata vari anni fa quando ancora cucciolo è stato investito su una strada di montagna in Toscana. Subito soccorso è stato portato nel canile di zona dove a causa di una grave frattura di una zampa posteriore hanno dovuto applicargli una protesi. Ma un giorno ad un veterinario del canile è venuto un dubbio...

"Questo è un lupo non può restare in canile!". Da qui l'idea di affidarlo ad un privato che lo teneva solo in un recinto. Fino a che un bel giorno Ausl e Carabinieri vengono a conoscenza della storia e subito provvedono a fare l'esame del dna per accertare se di lupo si tratta. E così è stato: di conseguenza è scattato il sequestro,  perchè oltre ad essere fauna pericolosa è fauna selvatica protetta e dunque assolutamente non detenibile da un privato.

Dato che il Centro di Recupero della Toscana non era attrezzato per poterlo tenere in condizioni idonee, i Carabinieri Forestali che collaborano col Pettirosso di Modena hanno contattato il Centro di via Nonantolana, che si è detto ben contento di accoglierlo. Addormentato con un fucile lanciasiringhe, l'animale è stato visitato e risvegliato dai veterinari prima di caricarlo nel furgone del Pettirosso. Ora si trova a Modena, dove verranno fatti tutti gli accertamenti sanitari. Inoltre, la protesi che era stata impiantata quando era cucciolo non ha seguito la crescita del lupo, pertanto per ridare una funzionalità alla zampa dovrà essere adeguata al suo stato morfologico attuale. Per ora è in una struttura che permette le cure, monitorato da telecamere ed è molto tranquillo. Ma dopo potrà essere inserito in un recinto di quasi 10.000 metri di bosco, in compagnia.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento