Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

FestivalFilosofia | Michela Marzano e l'ideologia del potenziamento umano

 

"Noi nasciamo tutti uguali per dignità e lavoro, ma diseguali in termini di potenzialità fisiche, intellettive e situazione socio-economica. Ma un conto è se l'intervento dell'umano su questo è per riparare, altro è suggerire la possibilità di superare i propri limiti. Il problema è quando si passa dal riparare al migliorare, perchè da equità e eguaglianza si creano ingiustizia e disparità".

La filosofa Michela Marzano ha spiegato all'agenzia Dire, al termine della sua conferenza stampa, la differenza tra le disparità date dalla natura e quelle che possiamo contribuire a costruire con la cultura. La sua lezione a Sassuolo è stata appunto incentrata sui rischi di questa "cultura della perfezione" che viene declinata come 'Ideologia del potenziamento umano'.

"Il potenziamento medico nato per riparare i corpi (ad esempio con arti artificiali) e' diventato un obbligo al miglioramento- ha detto la filosofa- e abbiamo il paradosso per cui combattiamo il 'body shaming' da un lato, ma poi abbiamo la cultura dello 'human enhancement', del potenziamento, della perfezione e dell'onnipotenza medica. Chi l'ha detto- come sostengono i transumanisti- che il miglioramento sia un desiderio comune?". Diverso è il caso dell'atleta Pistorius, che la filosofa ha trattato nella sua lezione, che "amputato con arti di carbonio- per riparare il suo limite di natura- è diventato addirittura un riferimento anche per i normodotati".

(DIRE)

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento