Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Medioevo. La storia delle scatole esplosive nella guerra tra nobili modenesi

 

E' una di quelle storie modenesi che pochi conoscono, ma che lasciano sicuramente a bocca aperta. Quando parliamo di "scatole modenesi" il riferimento va alla metà del Cinquecento, quando a Modena erano continue le guerre tra le famiglie locali. Se fossimo vissuti all'epoca, ci saremmo probabilmente imbattuti in uno dei tanti duelli tra nobili famiglie, come i Molza, i Forni, o i Boschetti. Se per esempio un Fontana incontrava per strada un Bellencini il duello era assicurato e spesso finiva nel sangue. 

Questo generò due fazioni: a capo di una vi era appunto la famiglia Fontana. Il suo capofamiglia, Lanfranco, un giorno ebbe un'idea: anzi che combattere per strada i propri nemici, perchè non farvi un regalo mortale? Sicuramente se avesse avvelenato il cibo l'unico a morire sarebbe stato l'assaggiatore, e se gli avesse regalato un sicario avrebbe solo consumato l'ennesimo delitto. 

Così gli venne un'idea "geniale": fece riempire delle scatole di polvere da sparo e di palle di ferro, quindi sistemò un congegno. Una volta pronta la scatola inviò nello stesso momento a più famiglie quelle scatole come dono, e in un batter d'occhio saltarono in aria prima Cornelio Bellencini, poi altri tre Bellencini, due Forni e due parenti secondari. 

La situazione era così "incandescente", che il duca Estense Alfonso II partì da Ferrara per giungere a Modena con una legge che impediva alle famiglie di tenere armi. E come potrete immaginare, queste nascosero le armi e una volta che il duca si era nuovamente allontanato dalla città, le tirarono fuori continuando quel massacro. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento