Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Autobrennero, Tomei: "Più garanzie dal Governo altrimenti usciremo dalla società"

 

"Chiediamo garanzie al Governo per la realizzazione delle grandi opere e di quelle previste sul territorio attraversato dall'A22, altrimenti siamo pronti a uscire dalla società". E' il commento del presidente della Provincia di Modena Gian Domenico Tomei, alla notizia della parere negativo della Commissione europea alla richiesta del Governo italiano di una proroga decennale della gestione alla società Autobrennero, attuale concessionario dell'autostrada, allo scopo di realizzare gli investimenti previsti, tenendo conto di una situazione, aveva motivato il Governo, di emergenza economica dovuta alla crisi sanitaria.

"Al futuro dell'Autobrennero – ricorda Tomei – sono legati i destini di opere  importanti come la Cispadana, la bretella Campogalliano-Sassuolo, la terza corsia dell'A22 tra Modena e Verona e gli interventi sulla viabilità dei territori attraversati, anche nel modenese, per favorire i collegamenti con l'autostrada. Si tratta di investimenti fondamentali per il territorio modenese e chiediamo garanzie al Governo sulla loro realizzazione, qualunque sia il futuro della bsocietà".

La sollecitazione di Tomei è legata all'iter del nuovo decreto che dovrà decidere entro la fine dei quest'anno il futuro della concessione autostradale. La richiesta di una proroga da parte del Governo era scaturita dalle difficoltà a rendere operativo l'accordo del 2018 che, nel rispetto delle regole europee, prevedeva la creazione di una società “in house” a totale capitale pubblico; difficoltà legate alla liquidazione dei soci privati della società.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento