Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando eravamo un Libero Comune. Viaggio nella Modena del Basso Medioevo

Non tutti lo sanno, ma c'è stato un tempo in cui Modena era un libero Comune e in cui i modenesi decidevano per sè stessi. Era il 1135 quando nacque a Modena il Libero Comune, e all'epoca il duomo non era soltanto la casa di Dio, ma anche il luogo dove si tenevano le adunanze e i consigli del Comune, e in cui parlando di stranieri si intendevano i bolognesi e i nonantolani. Ci sono ancora testimonianze dell'epoca, a partire dalle vie che portano i nomi dei canali come Canalchiaro, Canalino e Canalgrande, così come si ricordano gli antichi mestieri, con le vie dedicate ai tintori, ai fabbri, ai calzolai. Di quell'epoca è rimasta una grande testimonianza in piazza Grande, un luogo in cui si concentrava uno dei più importanti mercati del nord Italia, e dell'epoca sono ancora visibili le misure raccontate dai solchi sulle mura del duomo. Tali misure servivano per definire la lunghezza di un pezzo di legno o la grandezza di un mattone. In quell'epoca piazza Roma non esisteva, così comjue l'attuale Accademia Militare, ma al suo posto vi era un castello diroccato, che è ancora possibile riconoscere nella propria struttura dalla parete est del Palazzo Ducale. In quel periodo i debitori dovevano correre nudi per piazza Grande e poi sedersi su foglie orticanti poste sulla preda ringadora, e non potevano neppure ammirare il  Palazzo Comunale, perché al suo posto vi erano una serie di edifici in continuo cambiamento. 

Si parla di

Video popolari

Quando eravamo un Libero Comune. Viaggio nella Modena del Basso Medioevo

ModenaToday è in caricamento