Capotreno aggredita a Modena, "tornelli in stazione e squadre di scorta aziendale"

E' il sindacato Cisl a denunciare un episodio avvenuto in stazione e a chiedere misure drastiche per tutelare la sicurezza del personale

"Troppo spesso il personale front line delle aziende di trasporti passeggeri è lasciato solo e costretto ad affrontare situazioni rischiose, che non di rado sfociano in vere e proprie aggressioni". Lo afferma Aldo Cosenza, segretario generale della Fit Cisl Emilia-Romagna, denunciando l’aggressione subita domenica sera da una capotreno neoassunta, in servizio sul treno regionale Trenitalia Bologna-Parma.

"L’episodio si è verificato nei pressi della stazione di Modena – rivela Cosenza - Solo in questi ultimi giorni abbiamo notizia di almeno altri tre lavoratori aggrediti a bordo dei convogli in regione, a cui vanno sommati i diversi episodi ai danni del personale Tper sui bus. C’è bisogno di immediati provvedimenti di istituzioni e aziende: serve un maggior supporto al personale, tornelli nelle principali stazioni (così come in aeroporto), un potenziamento delle squadre di scorta e protezione aziendale".

Il sindacalista Cisl aggiunge che da tempo è stato richiesto un intervento delle istituzioni, sia a livello nazionale che regionale. Tuttavia, nonostante le continue sollecitazioni e il confronto aperto con istituzioni e aziende, finora "non è ancora stato predisposto un piano di prevenzione e sicurezza né per gli addetti ai lavori, né per gli utenti". Inutile sottolineare che si tratterebbe di interventi molto costosi e di non immediata attuazione.

"La situazione generale è resa ancora più complicata dalla chiusura di numerosi postazioni della polizia ferroviaria, tanto da rendere sempre meno frequenti gli interventi di prevenzione delle stesse forze dell’ordine – sottolinea Cosenza - Non si può salire su un treno o un autobus ed essere aggrediti semplicemente perché si sta svolgendo il proprio lavoro. I lavoratori dei trasporti, i viaggiatori e i cittadini hanno bisogno di risposte concrete e rapide, rispettose della libertà e dei diritti della persona. Per questo – conclude il segretario generale della Fit Cisl Emilia-Romagna - chiediamo immediati provvedimenti a tutti i soggetti coinvolti (aziendali, istituzionali e sociali)".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Modena usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

Torna su
ModenaToday è in caricamento