sabato, 05 settembre 20℃

Economia

Fiom/Cgil pronta per il D-Day dei diritti, coinvolte 270 aziende

Fiom/Cgil pronta per il D-Day dei diritti, coinvolte 270 aziende

L'hanno battezzato il d-day dei diritti, cioè il giorno in cui Fiom/Cgil presenterà in 270 aziende modenesi una lettera per diffidare gli imprenditori a mettere in atto il Jobs Act. Non è solo protesta, infatti i sindacati desiderano un tavolo di confronto

Trasporti SETA, nuovo Presidente e nuovi compensi

Trasporti SETA, nuovo Presidente e nuovi compensi

Il nuovo Cda è composto da Vanni Bulgarelli (Presidente), Daniele Caminati, Massimo Garibaldi, Giuseppina Gualtieri e Fabio Teti. Resterà in carica fino all'approvazione del bilancio d'esercizio 2017. Nominato anche il nuovo Collegio Sindacale.

Aziende del gruppo CPL, 300 in cassa integrazione

Aziende del gruppo CPL, 300 in cassa integrazione

Ammortizzatori straordinari per i lavoratori di Cpl sparsi per la Penisola: da settembre scattano 12 mesi di cassa integrazione anche per i rami non coinvolti dall'interdittiva antimafia. Accordo raggiunto al Ministero

Spesa al supermercato: Modena, quanto mi costi?

Spesa al supermercato: Modena, quanto mi costi?

Inchiesta supermercati in 68 città: Modena risale la classifica della convenienza. Verona città più economica d'Italia, fino a 1100 euro all'anno in meno di spesa rispetto ad Aosta, fanalino di coda della classifica di Altroconsumo

Disoccupazione femminile, da Modena parte l'allarme

Disoccupazione femminile, da Modena parte l'allarme

La Cgil modenese presenta i dati sulla condizione del lavoro femminile e individua in strumenti di conciliazione uno degli snodi decisivi per combattere la disoccupazione e la qualità della vita delle famiglie

Piccole medie imprese modenesi, la ripresa rallenta

Piccole medie imprese modenesi, la ripresa rallenta

Ancora positiva, ma senza squilli, la congiuntura economica delle pmi modenesi nel secondo trimestre 2015, registrata dall'osservatorio di CNA. Continua la crescita a doppia cifra per la meccanica, male invece agroalimentare e maglieria. Incertezze anche sul biomedicale