Virgo Fidelis, l'Arma dei Carabinieri celebra la sua patrona in Duomo

Ricorre oggi, 21 novembre 2019, Maria “Virgo Fidelis”, Madonna protettrice dell’Arma dei Carabinieri. Una ricorrenza molto sentita per gli uomini e le donne della Benemerita, che fanno proprio della fedeltà il valore cardine della loro missione. Come ogni anno, anche oggi, la patrona è stata celebrata con una Santa Messa in Duomo, officiata dall'Arcivescovo Castellucci e concelebrata dal Cappellano dell’Accademia Militare.

Alla funzione - preceduta da un oncontro in Prefettura per premiare alcuni militari particolarmente meritevoli - hanno partecipato non solo i Carabinieri della provincia di Modena, in tutte le loro articolazioni, ma anche e massime autorità civili e militari ed un nutrito gruppo di allievi ufficiali dell'Accademia.

IL VIDEO | Le parole del Comandante Provinciale dell'Arma

Il culto alla “Virgo Fidelis” iniziò subito dopo l'ultimo conflitto mondiale per iniziativa di mons. Carlo Alberto Ferrero di Cavallerleone, ordinario militare d'Italia, e di P. Apolloni S.J., cappellano militare capo. La scelta della Madonna “Virgo Fidelis”, come celeste patrona dell'Arma, è ispirata proprio alla fedeltà quale sentimento principe del carabiniere. Fu il comandante Generale a prendere a cuore l'iniziativa bandendo un concorso artistico per un'opera che raffigurasse la Vergine, Patrona dei Carabinieri. Lo scultore architetto Giuliano Leonardi rappresentò la Vergine in atteggiamento raccolto mentre, alla luce di una lampada legge in un libro le parole profetiche dell'Apocalisse: "Sii fedele sino alla morte".

Solo l'8 dicembre 1949 però sua Santità Pio XII di v.m., accogliendo l'istanza di S.E. Mons. Carlo Alberto di Cavallerleone, proclamava ufficialmente Maria "Virgo Fidelis Patrona dei Carabinieri", fissando la celebrazione della festa il 21 novembre, in concomitanza della presentazione di Maria Vergine al Tempio e della ricorrenza della battaglia di Culqualber. Battaglia nella quale l’eroismo di un gruppo di 210 Carabinieri del primo Battaglione Carabinieri e Zaptié Mobilitato, che si sacrificò per proteggere un caposaldo da ripetuti attacchi nemici, valse all'Arma la seconda medaglia d'oro al valor militare. 

L'Arma celebra oggi anche la "Giornata dell'Orfano", istituita nel 1996, che rappresenta per la Benemerita e per l'ONAOMAC (Opera nazionale di assistenza agli orfani militari dell'Arma dei Carabinieri) l’occasione per fornire alle famiglie dei colleghi caduti nell’adempimento del dovere un forte sostegno morale, volto ad attenuare il dolore di un vuoto che resterà per sempre incolmabile. In particolare l’Arma dei Carabinieri accompagna i figli dei propri caduti lungo tutto il percorso di studio sostenendoli anche finanziariamente fino alla laurea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Inceneritore e qualità dell'aria: "I rifiuti da fuori Modena inquinano come 100mila auto"

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Licenziati due dipendenti della Polcart, i colleghi minacciano lo sciopero

Torna su
ModenaToday è in caricamento