Crescono multe e controlli in città. Drastico calo delle multe in Ztl

Alcuni numeri sulle attività dei vigili modenesi, alle prese con più incidenti ma anche con oltre mille controlli in più lungo le strade. Gli accessi abusivi al centro sono stati 10 mila in meno del 2017

Interessanti i dati sull'operato della Municipale di Modena forniti oggi in occasione della festa del Patrono del corpo. Sul versante della sicurezza stradale, sono stati 2.415 i sinistri rilevati (200 in più dell’anno precedente e quasi 400 più del 2016), con oltre 900 incidenti con feriti: un’attività che consente alle altre Forze dell’Ordine di dedicarsi principalmente alla lotta contro il crimine, ma che fornisce anche la misura della necessità di incrementare sul territorio le azioni volte alla sicurezza stradale.

Sono aumentati i controlli con strumentazioni specifiche, come autovelox e telelaser, e sono di più anche i veicoli controllati sulle strade dalle pattuglie (da 8.102 a 9.782), mentre il Targa System, che consente di individuare la mancanza di assicurazione o revisione, lo scorso anno ha passato al setaccio 57.153 veicoli, anche grazie alla realizzazione dei portali elettronici del sistema Scntt per la lettura delle targhe in transito. Per controllare il rispetto dei tempi di guida e di riposo degli autotrasportatori si è inoltre usato il Police Controller, spesso effettuato insieme ai controlli del Centro Mobile di Revisione per rilevare malfunzionamenti dei mezzi pesanti (l’inefficienza del sistema frenante è tra le violazioni più ricorrenti).

Complessivamente sono state 150.585 le violazioni al Codice della Strada accertate, quasi 5mila più dello scorso anno. Se da una parte i dati testimoniano che è significativamente diminuito l’accesso abusivo in Ztl, con 10mila sanzioni in meno rispetto al 2017, segno che un buon numero di automobilisti ha imparato a rispettare il divieto di transitare in centro, analogo discorso ancora non vale per il rispetto dei limiti di velocità che rappresenta praticamente un terzo delle sanzioni, rilevate per lo più dalle strumentazioni elettroniche.

Per favorire la diffusione delle conoscenze per un responsabile utilizzo dei mezzi di trasporto, un particolare impegno, da parte degli operatori della Polizia Locale, è rivolto anche all’educazione stradale, che viene impartita dalle scuole materne fino all’Università della terza età con lezioni frontali teoriche arricchite da immagini e spot. Complessivamente 9.175 gli studenti coinvolti appartenenti a quasi tutti i gradi scolastici, dalla terza elementare fino alle superiori, senza dimenticare il nuovo progetto “Liberi di Guidare: sempre” rivolto a cittadini over 65. In termini di prevenzione, nel 2018 hanno caratterizzato l’attività della Municipale numerose campagne mirate alla tutela delle utenze deboli (ciclisti e pedoni) e a contrastare comportamenti scorretti e pericolosi, come l’uso del cellulare alla guida o il mancato utilizzo dei sistemi di ritenuta per bambini, ma anche la guida in stato di ebbrezza con controlli mirati di notte e nel week end (circa 700 i conducenti sottoposti al pre-test in queste occasioni, 80 le violazioni accertate). Complessivamente sono stati 171 gli automobilisti trovati alla guida in stato di ebbrezza, di cui 123 denunciati penalmente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telefonate mute e squilli dalla Tunisia, anche a Modena boom di truffe "ping calls”

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Il futuro dell’Oncologia modenese, riconoscimenti per tre giovani ricercatori

  • Colleziona 175 multe in due anni, la Muncipale scopre anche una maxi evasione

  • Madre denuncia la scomparsa del figlio, rintracciato in carcere a Oslo

  • Malfunzionamento della caldaia: padre, madre e bimba di 2 anni al pronto soccorso

Torna su
ModenaToday è in caricamento