Progetti per le scuole, il Comune cerca altri "nonni" volontari

Coinvolti negli Itinerari dei nonni volontari oltre mille alunni. Presto in classe anche un nonno scrittore, uno ex corista e uno disegnatore con un passato da profugo

Un ex corista della Corale Rossini, oltre che gran giocatore di bocce, che ama intrattenere con il cabaret; un nonno narratore che nelle fiabe mescola realtà e fantasia e che ha fatto dell’albero secolare di Monteombraro il protagonista di un racconto; un ex disegnatore di piante topografiche con una straordinaria passione per il disegno e una storia di bambino profugo dall’Istria tutta da raccontare.

Aldo, Franco e Alfredo sono solo tre dei nuovi nonni volontari che presto inizieranno ad andare nelle scuole di Modena a raccontare le loro esperienze nell’ambito degli Itinerari didattici proposti dal settore Istruzione del Comune di Modena. Sono infatti complessivamente una decina le nonne e i nonni che hanno risposto all’appello lanciato dal Centro Memo per trovare nuovi volontari per i percorsi “Il nonno e la nonna raccontano” e “Il nonno e la nonna sanno fare”: da sempre tra i più apprezzati degli Itinerari scuola città.  

Ad oggi sono tre i nonni che vanno a scuola a raccontare coinvolgendo in totale 19 classi, ossia 475 alunni: Nonna Vanna con le favole tradizionali e moderne e le grandi storie di Shakespeare, nonno Giorgio con la vita nel secolo scorso e nonno Celso con le sue storie di apicoltore appassionato.  

Il percorso che porta i bambini negli orti coinvolge invece ben otto zone ortive (Buon Pastore, Madonnina, San Faustino, Sant'Agnese, San Damaso, Crocetta, Albareto) e i referenti ortolani quest'anno accoglieranno negli orti 25 classi con 625 alunni coinvolti, dalla scuola dell'infanzia alla primaria per tre volte: in autunno per vedere i diversi prodotti coltivati e spiegare come si curano e si raccolgono, a primavera per lavorare un piccolo appezzamento di terreno che diventerà l'orto di classe e a maggio per la raccolta. Ci sono poi i percorsi dedicati ai fiori di carta che nonna Gabriella insegnerà a fare  quest’anno ad altri 200 bambini e i racconti dei lavori femminili nelle campagne grazie alla testimonianza delle Mondine.

Obiettivo generale del progetto è trasmettere le conoscenze del passato alle giovani generazioni e aiutarle a capire meglio il presente per saper fare in futuro scelte consapevoli, adeguate e rispettose di sé, degli altri e dell’ambiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel pomeriggio di ieri, 4 dicembre, i nonni finora coinvolti nei progetti si sono ritrovati in Municipio per quella che è ormai diventata la tradizione degli auguri di Natale con il sindaco Gian Carlo Muzzarelli. Il sindaco ha condiviso con loro aneddoti ed esperienze di vita e li ha ringraziati di cuore per “l’impegno straordinario nel tramandare e insegnare ai bambini, condividendo racconti e pezzi di vita vissuta, contribuendo quindi ad educare le giovani generazioni a diventare una comunità disponibile. Non voglio – ha sottolineato - scaricare su di voi la responsabilità di aiutare i nostri giovani a crescere, la voglio semmai condividere con voi, perché siete una ricchezza per la città e dedicare tempo agli altri fa bene anche a chi dona. Anche per questo lo scorso anno abbiamo fatto un appello affinché nuovi nonni venissero a rimpolpare le file dei volontari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

  • Cosa fare a Modena e provincia: 10 idee per il weekend

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Auto ribaltata dopo un tamponamento in via Giardini, un ferito a Formigine

  • Fase 3. Unimore prevede lezioni solo online almeno fino alla primavera 2021

Torna su
ModenaToday è in caricamento