“Salviamo villa Menotti”: L’appello dell’associazione Nazionale Case della Memoria

Tra degrado e rovine si erge a Spezzano la villa di Ciro Menotti grande personaggio del Risorgimento. Dall’associazione Nazionale case della Memoria arriva l’appello per salvarla e renderla fruibile a tutti

L’Associazione Nazionale Case della Memoria lancia un appello per salvare la villa di Ciro Menotti, luogo della memoria di un grande personaggio del Risorgimento, che rischia di andare persa.

L’edificio, situato a Spezzano nella frazione del Comune di Fiorano Modenese, versa infatti in un desolante stato di degrado e sta letteralmente cadendo a pezzi.

 “Questa villa così importante per la storia del patriota è in grave degradocommenta Adriano Rigoli, presidente dell’associazione - e sarebbe un peccato, anche per il territorio in cui si trova, se non venisse recuperata come luogo di memoria. Chiediamo che il comune intervenga e si faccia promotore del relativo recupero, magari attivando una collaborazione concreta tra pubblico e privato. La nostra associazione appoggia a gran voce la richiesta di non lasciare che questo bene cada nell’oblio. Solo così potrebbe essere valorizzata come Casa della Memoria inserita nella nostra rete nazionale, in cui figurano le case di altri importanti personaggi del Risorgimento.”

Ciro Menotti pagò con la vita la sua adesione ai valori risorgimentali. La sua figura fu fonte d’ispirazione per Giuseppe Garibaldi che dette il nome di Menotti al suo figlio primogenito.

“Siamo prontiprosegue il vicepresidente dell’associazione, Marco Capaccioli – a valorizzare la figura di Ciro Menotti ma anche le produzioni storiche del territorio in cui si trova l’edificio, come la ceramica. Dopotutto, anche la casa natale di Enzo Ferrari (a Modena) rientra nella nostra rete delle Case della Memoria. Ci appelliamo alle istituzioni perché l’importante patrimonio culturale rappresentato da questa casa non vada disperso”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

Torna su
ModenaToday è in caricamento