Sisma Italia Centrale. Inaugurata scuola a San Severino Marche con contributi modenesi

Inaugurata la nuova scuola resa possibile anche grazie ai contributi dei cittadini ed enti modenesi, raccolti dalla Provincia con il conto corrente di solidarietà a favore delle zone dell'Italia centrale colpite dal sisma del 2016

A San Severino Marche, in provincia di Macerata, inaugura giovedì 13 settembre, la nuova scuola resa possibile anche grazie ai contributi dei cittadini ed enti modenesi, raccolti dalla Provincia con il conto corrente di solidarietà a favore delle zone dell'Italia centrale colpite dal sisma del 2016.

Con questi fondi, pari a quasi 100 mila euro, è stata realizzato un edificio che ospiterà gli alunni della primaria "Alessandro Luzio".Alla cerimonia di inaugurazione parteciperà anche Maria Costi, Vicepresidente  della Provincia di Modena. Neimesi successivi al sisma, nell'ambito degli interventi coordinati dalla regione Emilia Romagna, la Provincia di Modena ha stretto un rapporto con la comunità di San Severino Marche e il suo sindaco Rosa Piermattei, culminato con la donazione per la costruzione della scuola.   

Il progetto, finanziato anche dal ministero dell'Istruzione per oltre un milione e mezzo di euro, garantisce ai ragazzi della primaria una frequenza scolastica regolare, senza doppi turni e sovraffollamenti. 

Potrebbe interessarti

  • Le migliori osterie di Modena. Dove gustare la cucina tradizionale

  • Come pulire il box doccia in modo efficace

  • Le migliori piadinerie di Modena

  • Come allontanare gli scarafaggi. A chi rivolgersi a Modena

I più letti della settimana

  • Grandine e vento si abbattono su Modena, trenta feriti e molti danni

  • Disastro meteo su Modena, parte la conta dei danni. Trenta feriti lievi

  • Cade dal furgone in via Giardini, muore un operaio trentenne

  • Grandine in pianura, vigneti e campi di grano devastati

  • Furti con la tecnica dell'abbraccio, caccia ad una ladra a Carpi e dintorni

  • Pioggia di multe per i camion, a Formigine intercettato un trasporto internazionale abusivo

Torna su
ModenaToday è in caricamento