La sua ex compagna viene multata, lui aggredisce gli agenti. Arrestato

È avvenuto sabato 30 marzo, oggi la direttissima che ha convalidato l’arresto. Un modenese di 59 anni ha “difeso” l’ex compagna fermata dalla Polizia municipale. Due agenti in ospedale

Tutto è iniziato sabato 30 marzo intorno alle 12. Una pattuglia della Polizia municipale, proprio davanti al Comando di via Galilei, ferma un’utilitaria guidata da una donna che stava usando il telefono cellulare. Prima lei tenta di sviare il controllo, poi, quando si ferma, sopraggiunge un altro veicolo, una Range Rover da cui scende un modenese 59 enne che si presenta come ex compagno della donna e inizia a inveire contro gli agenti. Alle offese seguono ben presto minacce di aggressione e poi uno dei due operatori viene spintonato e strattonato per il braccio e il polso. La collega si interpone tra l’aggressore e l’agente e a sua volta riceve uno schiaffo sul volto.

A quel punto l’uomo si getta a terra simulando i sintomi di un infarto. Nonostante l’evidente simulazione, la Polizia municipale chiama l’ambulanza. Passano pochi minuti e l’uomo si rialza e riprende a minacciare gli operatori che evitano ulteriori scontri fino all’arrivo di un’altra pattuglia, quando l’uomo viene bloccato, e dell’ambulanza. All’ospedale di Baggiovara agli agenti vengono riscontrate lesioni con prognosi di 7 giorni per l’uomo (escoriazioni al braccio destro e al polso) e di 8 giorni per la donna (contusioni al viso e al collo), mentre all’aggressore di 3 giorni per lesioni al volto.

L’uomo ha precedenti per reati finanziari e per violazione del sistema tributario. Non avendo una residenza ed essendo stato evasivo sul domicilio, è stato accompagnato al Comando dove è stato raggiunto dall’avvocato e dalla ex compagna che gli ha portato i farmaci di cui aveva dichiarato di aver bisogno. Farmaci che però volutamente non ha assunto lamentando poi, intorno alle 20, un malore. I sanitari, prontamente accorsi, lo hanno invitato ad assumere i farmaci, dopo aver verificato le condizioni di salute e la correttezza dei parametri.

A suo carico è stata elevata una denuncia per minacce, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio e oltraggio, oltre a quella per il rifiuto di sottoporsi ai controlli per guida in stato di ebbrezza o assunzione di sostanze stupefacenti. Nel frattempo, il sostituto procuratore aveva deciso per il trasferimento nel carcere di Sant’Anna in attesa della direttissima che si è svolta oggi. Convalidato l’arresto, vista la pericolosità sociale del soggetto, in attesa dell’udienza è stato disposto l’obbligo di firma per tre giorni a settimana.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni muore dopo il trasporto dall'Ospedale di Sassuolo a Baggiovara, aperta indagine

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Scontro sulla Nazionale per Carpi, morto un automobilista

  • Persona muore bruciata all'interno di un'auto, giallo alla periferia di Modena

  • Travolta lungo via Giardini, grave una 52enne soccorsa dall'eliambulanza

  • Da Milano a Modena per salvare una vita, un organo scortato dalla Municipale

Torna su
ModenaToday è in caricamento