Nessuno partecipa al bando, 300 profughi senza alloggio

Cooperative e associazioni dimostrano di trovarsi ormai in grave difficoltà nella gestione dell'emergenza migranti. In provincia la gara va ancora una volta deserta e la Prefettura ci riproverà con un nuovo bando

Si fa sempre più in salita la strada dell'accoglienza in terra modenese. Il nostro territorio, gravato più di altri da un numero di immigrati richiedenti asilo – oltre mille delle ultime settimane – aveva già manifestato segni di cedimento sul fronte dell'ospitalità, con le realtà associative in grande affanno.

In data 27 luglio scorso, la Prefettura di Modena aveva indetto una gara aperta, sulla base del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, volta alla conclusione di un accordo quadro con più operatori economici attivi nella provincia sul quale basare l’aggiudicazione di affidamenti specifici per il servizio di accoglienza dei profughi, dopo che il bando di inizio anno non era stato "riempito" per tutti i posti necessari.

La nuova gara, che prevedeva l’assegnazione di 300 posti, si era resa necessaria in quanto i precedenti bandi, nei quali era stata prevista la messa a disposizione di 1036 posti per l’accoglienza dei profughi attualmente presenti e di quelli che potrebbero essere trasferiti in questa provincia, erano stati aggiudicati per 651 posti con la prima gara e, per 116 posti, nella seconda.

Tuttavia, anche il nuovo appello è rimasto inascoltato. In data del 26 agosto, termine di scadenza per la presentazione delle offerte, nessun ente, cooperativa o associazione ha inoltrato istanza di partecipazione, per cui la procedura deve considerarsi “deserta”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A breve verrà pubblicato un nuovo concorso, ma pare ormai chiaro che il sistema non riuscirà a reggere ulteriormente, come già sottolineato anche a livello istituzionale, Nelle scorse settimane, infatti, lo stesso Presidente della Provincia Muzzarelli aveva rivolto appelli al Viminale per una diversa distribuzione dei profughi sul territorio, alleggerendo lo sforzo che Modena è chiamato a compiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Contagio. In provincia 11 casi, di cui 6 asintomatici del focolaio di Carpi

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

  • Coronavirus, un giorno da ricordare. Nessun nuovo caso e nessun decesso a Modena

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Detenzione irregolare di armi, denunciati 17 modenesi durante le verifiche della Polizia

Torna su
ModenaToday è in caricamento