Castelfranco. Ridimensionata l'altezza della ciminiera ex Bini

Era risultata lesionata nella parte sommitale dal terremoto 2012. Proseguono gli interventi post sisma anche al cimitero di Piumazzo e alla scuola Anna Frank di Panzano  

Proseguono a pieno ritmo a Castelfranco Emilia gli interventi di ripristino e valorizzazione del patrimonio pubblico danneggiato dal terremoto 2012, tra i quali il cantiere per il miglioramento sismico e il consolidamento statico della ciminiera “Ex Bini” del capoluogo, che è stata ridimensionata di circa 1/3 della propria altezza (nella foto) ed è sottoposta ad una generale riqualificazione, come da progetto approvato dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Bologna. Obiettivo dell’intervento è anche la riqualificazione dell’immagine del centro storico del capoluogo attraverso la contestuale “liberazione” dal ponteggio esterno.

Volgono al termine anche i lavori alla palestra della scuola dell’infanzia Anna Frank di Panzano dove si è intervenuto sulla solidarizzazione delle murature laterali mediante cordolo e sulla ricostruzione del tetto con struttura in legno lamellare, il ripristino di  intonaci e i tinteggi dello stesso immobile.  Sono in pieno svolgimento i lavori relativi al primo stralcio degli interventi che riguardano il cimitero di Piumazzo, edificio di particolare pregio architettonico e luogo di grande sensibilità per la cittadinanza.

Siamo soddisfatti dell’andamento dei lavori perché il tema della ricostruzione post sisma è stato sempre al centro dell’attenzione di questa Amministrazione - spiegano il Sindaco Stefano Reggianini e l’Assessore ai Lavori Pubblici Denis Bertoncelli - Vogliamo ringraziare la macchina tecnica e amministrativa del Comune di Castelfranco Emilia che sta producendo lo sforzo massimo per rispettare i tempi di un importante e ambizioso programma di interventi. Parallelamente ringraziamo anche la cittadinanza per la comprensione quando si è verificato qualche disagio soprattutto  per l’accesso ad aree pubbliche o cimiteriali; abbiamo sempre cercato in tutti i modi possibili di limitare tali problematiche, mantenendo alta l’attenzione alla sicurezza sul lavoro”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ormai completate le opere sulle coperture, il progetto prevede ora una serie di interventi di ripristino e di miglioramento sismico comprensivi delle opere e delle finiture connesse, il cui ammontare per circa il 50% è a carico del Comune di Castelfranco Emilia, mentre la restante parte è attinta dai fondi destinati dal Commissario alla Ricostruzione della Regione Emilia Romagna al recupero del complesso edile, in quanto per tutte queste strutture sono stati riconosciuti i danni causati dagli eventi sismici del 2012. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Contagio. In provincia 11 casi, di cui 6 asintomatici del focolaio di Carpi

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

  • Coronavirus, un giorno da ricordare. Nessun nuovo caso e nessun decesso a Modena

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Detenzione irregolare di armi, denunciati 17 modenesi durante le verifiche della Polizia

Torna su
ModenaToday è in caricamento