Indagine Ischia al capolinea, PM mettono sotto esame la governance di CPL

La magistratura modenese incontra i reparti operativi dei Carabinieri e i colleghi di Roma e Napoli per coordinare la grande mole di lavoro sullo scandalo di CPL Concordia. Prima dell'estate l'inchiesta sarà chiusa

Entro un mese si chiuderà l'intera inchiesta sulla Cpl Concordia per quanto riguarda gli appalti per la metanizzazione dell'isola di Ischia. E' quanto emerso oggi dalla Procura di Modena sull'affair CPL, che vede il sostituto procuratore Musti e i magistrati Mazzei e Nicolini ormai vicinissimi al termine delle indagini e alla richiesta di processo per i vertici della coop modenese. Entro un mese, appunto.

Gli ex dirigenti della coop dovranno rispondere delle accuse di associazione a delinquere e corruzione impropria e verosimilmente finiranno a processo contemporaneamente agli indagati napoletani, ossia gli amministratori e i funzionari pubblici e gli esponenti dell'imprenditoria di Ischia che i PM di Napoli hanno individuato come “corrotti”.

Un binario parallelo reso possibile da uno stretto coordinamento tra le procure e i reparti dei Carabinieri che stanno collaborando da mesi per portare alla luce il sistema corruttivo sotteso agli appalti pubblici campani. Proprio per questo fine di “collegialità” lo scorso mercoledì 27 maggio i magistrati modenesi si sono recati a Roma per partecipare ad una riunione congiunta con il Comando Tutela dell'Ambiente dei Carabinieri, con il reparto operativo del Noe di Bologna e con l'Arma modenese, durante la quale sono state tracciate le linee guida per le future mosse degli inquirenti sulla grande mole di lavoro che attornia CPL Concordia.

A seguire, la Procura di Modena ha promosso un altro vertice congiunto, questa volta con i referenti della magistratura romana e napoletana. Al meeting hanno partecipato Giuseppe Pignatone, Mario Palazzo, Alfonso D'Avino, John Woodcock e Celeste Carrano, nel tentativo di rendere omogenei i diversi filoni di inchiesta che hanno travolto la coop su più fronti e in diverse località.

L'ultimo atto dell'indagine modenese si è concretizzato lo scorso 30 maggio con la perquisizione della sede legale di Concordia. Gli inquirenti hanno requisito tutta la documentazione sulla governance della cooperativa dal 2001 ad oggi, nel chiaro intento di individuare tutti i soggetti che hanno preso parte alle decisioni chiave della vita aziendale. Come prevede la legge, le eventuali responsabilità non si limitano soltanto alle persone fisiche che hanno ricoperto i ruoli chiave, ma sono estese anche all'impresa in quanto persona giuridica.

Fondi neri, tangenti, rapporti opachi con il mondo politico. Chi sapeva e quanto si sapeva internamente a CPL Concordia in merito alle azioni illegali commesse da alcuni dei suoi vertici? E' in sintesi questa la domanda cui ma magistratura modenese vuole trovare risposta per identificare in modo chiaro una rosa completa di nomi da portare – immaginiamo per lungo tempo – nelle aule del Tribunale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Salta la cassa con una tv sotto braccio, stroncata sul nascere l'impresa impossibile di un 31enne

  • L'ex compagno di classe saluta la sua ragazza, lui lo colpisce con una testata

  • Caduta sulla rotonda di Vaciglio, grave un cicloamatore

  • Truffa del CD-rom, incastrato un 45enne dopo sette colpi in città

  • Sale su un traliccio alla stazione e minaccia di gettarsi, salvata dai Carabinieri

  • Cena aziendale degenera, minaccia il collega armato di coltello e forchettone

Torna su
ModenaToday è in caricamento