Malfunzionamento della caldaia: padre, madre e bimba di 2 anni al pronto soccorso

Lieve intossicazione per una famiglia straniera residente a Serramazzoni. Sopralluogo di Vigili del Fuoco e Carabinieri

Ieri verso le ore 16 una famiglia di origine tunisina residente nel centro di Serramazzoni ha accusato un malore e si è portata al Pronto Soccorso di Pavullo, dove il personale medico ha evidenziato i sintomi di una intossicazione, per fortuna lieve. Il malessere sarebbe stato causato dal monossido di carbonio che si è silenziosamente diffuso negli ambienti dell'appartamento dove vivono i due giovani genitori con la loro bambina di 2 anni.

Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Pavullo insieme ai Carabinieri della Stazione di Serramazzoni: il sopralluogo ha fatto emergere l'occlusione di un tubo nella caldaia, verosimilmente responsabile dell'emissione del gas tossico. I tre stranieri stanno bene e sono stati dimessi rapidamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Aggiornamento Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna. "Chi ha dubbi chiami il 118"

  • Un contagio da Coronavirus anche nel modenese, ricoverato al Policlinico

Torna su
ModenaToday è in caricamento