Pronto soccorso per lupi, al Centro Fauna arriva Diana

Lupa salvata nel napoletano e trasferita in via Nonantolana a Modena per le cure. Sarà accudita nell'apposita struttura dedicata ai lupi

Da alcuni giorni il Centro fauna selvatica il Pettirosso di Modena ospita una femmina di lupo, salvata nelle scorse settimane in provincia di Napoli, dopo essere finita in una trappola utilizzata dai bracconieri per la caccia al cinghiale che ha provocato all'animale la perdita di una zampa posteriore. 
Dopo le cure nell'ospedale veterinario Frullone di Napoli, la lupa, chiamata Diana dai volontari, è stata affidata, con la collaborazione del Corpo forestale,  ai volontari del Centro che la accudiscono nell'apposita struttura dedicata ai lupi, situata nella sede del Centro stesso in via Nonantolana 1217 a Modena. 

Purtroppo a causa della menomazione, l'animale non è più in grado di procurarsi il cibo autonomamente. L'attività del Centro si svolge sulla base di una convenzione con la Provincia per il recupero e tutela della fauna selvatica in difficoltà.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagiati. Casi anche a Sassuolo e Maranello

  • Coronavirus, raggiunta quota 47 contagi in regione. A Modena sono 8 gli ammalati

Torna su
ModenaToday è in caricamento