menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Raccolta porta a porta, ai Torrazzi si parte fra le polemiche

Lunedì prossimo, 25 gennaio, prende il via la raccolta nella zona industriale di Modena. Alcuni imprenditori manifestano il loro scontento, ma il Comune replica: "Tutti erano stati avvisati, ci saranno tutor capillari"

Il Comune di Modena para le critiche delle aziende sul porta a porta dei rifiuti nelle aree artigianali. Se ieri si è fatto portavoce dello "scontento" Enrico Malagoli, titolare insieme col fratello Gabriele della storica azienda Malagoli Aldebrando, da pochi anni insediata nel nuovo stabilimento dei Torrazzi, oggi l'amministrazione interviene con una nota dove si ricapitola il nuovo servizio al via nell'area in questione, la prima di cinque zone produttive interessate in tutto, dal 25 gennaio. 

Sul servizio stesso "tutte le aziende coinvolte sono state diffusamente informate a partire dallo scorso 4 novembre, data della prima assemblea pubblica, in diverse occasioni di confronto con l'amministrazione comunale, Hera e le principali associazioni di categoria", segnala il Comune. 

"Capillare", inoltre, per l'amministrazione è stato l'intervento di "tutor" ambientali appositamente formati, che "da novembre a gennaio hanno visitato tutte le utenze, produttive e non, per illustrare le corrette modalità di conferimento, spesso effettuando anche un secondo passaggio per ribadire i punti salienti del nuovo porta a porta". Le zone artigianali industriali, precisa l'assessore Giulio Guerzoni, "con oltre 6.600 tonnellate all'anno di rifiuti raccolti rappresentano la parte forse piu' consistente del piano ambiente di Modena; il nostro obiettivo è portare al 75% la percentuale di differenziata che oggi, nelle zone industriali, è ferma al 45". 

La raccolta ai Torrazzi coinvolge oltre 500 utenze, prevalentemente produttive ma anche domestiche (circa il 20%), alle quali è stato consegnato il kit per effettuare correttamente la differenziata. Il nuovo servizio è propedeutico all'introduzione della tariffa puntuale, secondo quanto previsto dalla legge regionale dello scorso ottobre.

(DIRE)

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Donna brutalmente aggredita in strada, la Polizia ferma l'assalitore

    • Economia

      Riorganizzazione di Poste, dietrofront sull'ampliamento delle zone di recapito

    • Dalla Rete

      L'ironia rap di Nek, "Sassuolo come Palm Springs"

    • Eventi

      Modena, il Parco Amendola ospita "Città Olistica" 2016

    Torna su