Al lavoro per tamponare la falla nell'argine del Diversivo, animali ancora sotto accusa

Una rottura molto importante che ha già causato l'allagamento di molte aree agricole e che minaccia le abitazioni di Massa Finalese

La piena dei fiumi  che si sposta nella Bassa ha creato un enorme danno, le cui proporzioni sono a ancora tutte da capire. Questa mattina ha ceduto l'argine sinistro del canale Diversivo a nord di Massa Finalese. La falla è piuttosto importante e sta allagando le campagne in direzione dell'area protetta Le Meleghine. Sono sul posto vigili del fuoco, protezione civile e tecnici del consorzio di Bonifica.

La quantità d'acqua che si è riversata nelle campagne dalla falla di circa 10 metri di lunghezza è davvero importante e le autorità locali stanno monitorando la situazione. L'acqua defluisce verso la zona delle "valli", fortunatamente lontana dall'area urbanizzata.

Il Consorzio di Burana sta intervenendo con propri mezzi, ruspe e massi, per cercare di chiudere la falla dell'argine sx che ha ceduto del canale diversivo. I lavori proseguiranno ad oltranza, fino al ripristino della sicurezza dell'argine. Centinaia sono gli ettari ricoperti dall'acqua: non risultano coinvolte per il momento abitazioni civili, ma solamente fabbricati rurali.

IL VIDEO | L'acqua invade i campi accanto al canale

Tulla la viabilità provinciale e comunale è percorribile, salvo via Ceresa dall'Ex zuccherificio fino alla zona delle Meleghine/fruttarola. Chiusa anche via Canaletto Rovere per permettere ai mezzi di soccorso di operare in sicurezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

l Presidente del Consorzio Burana Francesco Vincenzi spiega: “Le operazioni proseguiranno ad oltranza e il più velocemente possibile. Dalle prime verifiche ipotizziamo che il danno sia causato da animali fossori, confermando la necessità di mettere in atto tutte le azioni possibili per limitare la presenza di questi animali, in particolare a ridosso dei corsi d’acqua. Questo evento, inoltre, conferma l’importanza di proseguire nella strada intrapresa di forti investimenti sul territorio, in aggiunta alla manutenzione ordinaria. Al momento, comunque, la priorità è quella di chiudere la falla, ci sarà tempo per una riflessione più approfondita su cause e prevenzione futura”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Contagio. Tre ricoveri a Modena, uno in Terapia Intensiva

  • Frontale nelle campagne di Soliera, muore un ragazzo di 20 anni

  • Contagio. Nel modenese 5 casi, di cui uno ricoverato in ospedale

  • Contagio, 7 casi nel modenese. Uno è in ospedale

  • Forno rumoroso in centro storico, sequestrati i locali per la produzione

Torna su
ModenaToday è in caricamento