Avvicendamento ai vertici, Savo lascia i Carabinieri di Modena

Incontro con le autorità cittadine ieri in Municipio. Al colonnello dell’Arma dei Carabinieri i ringraziamenti di Muzzarelli per il lavoro svolto a servizio delle istituzioni e dei cittadini

Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli ha incontrato nella mattinata di ieri, giovedì 13 ottobre, il colonnello Stefano Savo in procinto di lasciare il comando provinciale dei Carabinieri di Modena per assumere un incarico al Comando dell’Arma di Padova.

Il sindaco Muzzarelli ha ringraziato il colonnello Savo per il prezioso lavoro svolto  al servizio delle istituzioni e dei cittadini sul fronte della sicurezza, affianco alle altre Forze dell’ordine e alla Polizia municipale in un clima di serena e proficua collaborazione nella cornice del Patto per Modena Sicura.

Il colonnello, che ha iniziato la sua carriera militare proprio a Modena frequentando i corsi dell’Accademia militare, è poi arrivato al Comando dell’Arma di via Pico della Mirandola nel 2012, quattro anni fa. “Sono stati anni che hanno visto l’Arma impegnata in operazioni significative e in cui il comandante Savo ha sviluppato un legame con le istituzioni e la città di Modena che auspichiamo possa mantenere”, ha detto il sindaco consegnando al colonnello una piccola riproduzione della Secchia Rapita.

Nella stessa mattinata il comandante Stefano Savo ha incontrato anche la presidente del Consiglio comunale Francesca Maletti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco Amendola, si allontana dalla casa di riposo e annega nel lago

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

  • Lavoro nero, sospesa l'attività di una pizzeria di Maranello

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Fermata e denunciata per guida in stato di ebbrezza, chiama la sorella ma è alticcia pure lei

  • Inceneritore e qualità dell'aria: "I rifiuti da fuori Modena inquinano come 100mila auto"

Torna su
ModenaToday è in caricamento