Pugno duro contro i circoli, stop ai tornei di poker a Modena

Dopo un confronto con la Questura, uno dei principali locali della provincia decide di chiudere l'attività. Pesano le retate condotte dalla Finanza in questi mesi. E il gioco si sposta online, dove aumentano i rischi

Senza licenza dell'Agenzia dei Monopoli non si gioca. Questo il messaggio molto chiaro che la Questura di Modena ha inviato ad un circolo di poker sportivo modenese, che ha inviato il mese scorso una specifica richiesta per ottenere chiarimenti. I tornei di poker, con quote di iscrizione e montepremi in palio, sono un'attività che si svolge da tempo alla luce del sole in diversi locali della provincia, con tanto di pubblicità, foto e rendiconti, anche sui social network. Ma da qualche tempo le cose sono cambiate.

I locali che organizzano tornei sportivi sono sprofondati in un limbo normativo, in bilico tra legalità e illegalità: l'assenza di regole chiare e i pronunciamenti talvolta discordi della giustizia italiana hanno favorito un'attività molto pedissequa della Guardia di Finanza, che è intervenuta per chiudere diversi locali. Ultimi in ordine di tempo due circoli di Modena e Vignola.

Alla luce di questo clima da caccia alle streghe, il Quasar Club, tra i più attivi e frequentati (e superstiti) della provincia, ha scritto al Questore per ottenere un indirizzo certo. A distanza di un mese la risposta: la risposta del Questore che dice: "Si comunica che la legge 7-7-2009 nr.88 all'art 24 ha introdotto significative novità in relazione allo svolgimento dei tornei di poker sportivo non a distanza (…) i tornei sono consentiti a soggetti titolari di concessione previa autorizzazione dell'Aams. Il precedente comma 27 prevede che con regolamento della menzionata amministrazione finanziaria da adottarsi di concerto con il Ministero dell'Interno, sono disciplinati i tornei di poker sportivo, l'importo massimo della quota d'iscrizione, le modalità che escludono i fini di lucro ecc.". 

A differenza di alcuni tribunali la Questura di Modena dice però che "ad oggi tale regolamento non è stato emesso pertanto è comunque vietato l'espletamento delle manifestazioni di poker sportivo non a distanza a prescindere dalla natura dei premi". Il gioco di carte poker texas hold'em è variante del gioco del poker che è già inserito nella tabella dei giochi proibiti aggiornata dal Questore di Modena nel 2004 ed è pertanto da considerare vietato

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per i tavoli verdi dunque il futuro è segnato. E il club modenese ne prende atto: "Siamo a comunicarvi che dopo richiesta ed incontro con il Questore di Modena sulla possibilità di effettuare tornei di poker sportivo low buy-in (20/30 /40/50 euro) il parere è stato negativo. Quindi per tutelare sia gli amici giocatori che il club stesso in attesa di una regolamentazione chiara Quasar Club Modena non effettuerà più tornei". Inevitabile ora l'incremento dei giocatori che si riverseranno online, dove ormai si svolge la quasi totalità del gioco d'azzardo, con tutti i rischi che ne conseguono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

  • Coronavirus, tornano a crescere i casi in regione. "Stiamo testando gli asintomatici"

  • Cosa fare a Modena e provincia: 10 idee per il weekend

  • Contagio, due nuovi casi a Carpi e Castelvetro. Deceduta una 54enne

  • Auto ribaltata dopo un tamponamento in via Giardini, un ferito a Formigine

  • Fase 3. Unimore prevede lezioni solo online almeno fino alla primavera 2021

Torna su
ModenaToday è in caricamento