"Sequestrata e violentata nel container" in via Divisione Acqui, la denuncia di una 26enne

La Municipale sta indagando sul quanto riferito da una giovane straniera. Ricerche in corso per un 19enne che l'avrebbe minacciata con un cutter per poi abusare di lei nel cantiere abbandonato del cohousing

Sarebbe stata minacciata con un cutter e poi trascinata in un container, rinchiusa e costretta a subire un abuso sessuale. E' quanto ha denunciato alla Polizia Municipale una 26enne marocchina lo scorso 15 ottobre, riferendo quanto sarebbe avvenuto la sera precedente in via Divisione Acqui, in un container in uso al cantiere della palazzina cohousing che affaccia sul parco. Il luogo è in stato di abbandono da tempo - lo scorso weekend si è tenuta una pulizia da parte dei volontari e degli acquirenti - e più di una volta sono stati segnalati e anche trovati dalle forze dell'ordine occupanti abusivi.

Attualmente la Polizia di Stato, coordinata dalla Procura, sta verificando la veridicitò della denuncia ed è sulle tracce del presunto colpevole, un marocchino di appena 19 anni. Chiaramente sontanto il prosieguo dell'indagine potrà accertare l'esatta dinamica dei fatti e se quanto finora denunciato risponde al vero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Tortellini e gnocco fritto nel cuore della City, "Bottega Modena" sbarca a Londra

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • L'acqua filtra nelle cisterne, automobilisti in panne al distributore

Torna su
ModenaToday è in caricamento