Sciopero alla Caprari, i lavoratori protestano e "si contano"

Per replicare alla dirigenza che aveva minimizzato le adesioni, i dipendenti della Caprari di Modena hanno presidiato i cancelli della fabbrica con lo striscione "Contateci". Prosegue in braccio di ferro sull'integrativo

Riprende il valzer degli scioperi alla Caprari di via Emilia Ovest. Per rispondere all’azienda che ieri aveva diramato una nota in cui si minimizzavano le adesioni agli scioperi, attribuiti solo alla minoranza di un terzo dei lavoratori, oggi pomeriggio i dipendenti si sono presentati davanti ai cancelli con il cartello “CONTATECI” e ognuno di loro teneva in mano un numero per dimostrare l’alta adesione allo sciopero.

La Fiom e la Uilm parla di adesioni al 90% degli addetti in produzione: lo scioperpo a scacchiera di 2 ore prosegue da mesi, per chiedere il rinnovo del contratto integrativo aziendale.  In questa settimana l’iniziativa con cartelli e numeri alla mano, verrà nuovamente replicata con altre ore di sciopero. Fiom/Cgil, Uilm/Uil Modena e le Rsu chiedono la ripresa vera della trattativa sul contratto aziendale che riapra il confronto sui temi del salario. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagiati. Casi anche a Sassuolo e Maranello

  • Coronavirus, raggiunta quota 47 contagi in regione. A Modena sono 8 gli ammalati

Torna su
ModenaToday è in caricamento