Curiosità Modenesi | Le chiese più antiche di Modena edificate prima del duomo

Modena è ricca di chiese e varie tra queste hanno una datazione alquanto antica, tanto da essere state realizzate prima dell'anno mille, anche se alcune sono ora sotto il manto stradale

Modena esiste da almeno tremila anni ed è stata abitata da popolazioni ben diverse a partire dagli etruschi, e ciò significa che le sue edificazioni cristiane sono abbastanza antiche da essersi perse nel tempo. Infatti, la città, essendo circondata dai fiumi Secchia e Panaro, è stata più volte innondata dalle loro acque strarpianti, a ciò si aggiunge il fatto che molte chiese ed edifici furono costruiti su altre chiese precedenti, o ancora più significava era la pratica di edificare una struttura cristiana sopra un tempio pagano. Perciò diventa complesso rendersi conto di quale chiesa sia stata edificata per prima, vediamo allora i candidati principali a questo titolo: 

Chiesa di San Pietro

La chiesa di San Pietro è stata costruita sopra il tempio di Giove Capitolino, la massima figura religiosa nel mondo pagano romano, e di una cosa si è certi, ovvero che la chiesa dal 996 accoglie una comunità monastica, tuttavia non si sa se già da prima vi fosse una chiesa ed in effetti sembrerebbe così, anche se qualcuno parla più di una piccola cappella posta fuori dalle mura della città. Attualmente custodisce preziose opere del Rinascimento modenese. 

Chiesa di San Giorgio

Se oggi la Chiesa di San Giorgio esprime in ogni suo dettaglio la pomposità dello stile barocco è solo grazie alla sua ultima ristrutturazione avvenuta nel 1647 grazie all'architetto della corte ducale Gaspare Vigarani. In effetti quella attuale sorge su una chiesa medievale molto più antica, di cui si fa menzione la prima volta nel 1189, ma non per questo si ritiene che potrebbe essere precedente di decenni o persino di secoli. 

Chiesa di San Lorenzo

Durante gli scavi dell'estate scorsa in via Università sono state ritrovate sotto il manto stradale delle tombe risalenti al IX secolo, di una chiesa ancora più antica. Secondo gli storici si tratta della famigerata chiesa di San Lorenzo, situata proprio presso l'attuale via Università, ma che per motivi ancora non chiari, distrutta nel tempo, forse per esigenze urbanistiche. Se fosse accertata tale teoria, potremmo affermare che la più antica chiesa di Modena fosse quella di San Lorenzo. 

La chiesa prima del duomo

Quello che vediamo oggi come duomo, è solo la sua terza e per ora ultima forma realizzata dall'architetto Lanfranco nel 1099, ma in effetti Modena ha da sempre avuto una chiesa in quel luogo per conservare le spoglie del suo Santo Patrono Geminiano. Infatti, secondo la leggenda fu seppellito vicino a dove morì e lì fu costruita una chiesetta simile ad una cappella, che in effetti è fuori dalla Mutina romana. Con il passare del tempo, tuttavia, la cappella affrontò le intemperie del tempo e così fu edificata una seconda chiesa più grande, ma anche questo trovò la sua rovina e così i modenesi decisero di costruire l'attuale duomo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chiesa di San Sebastiano oggi Chiesa di Santa Maria della Pomposa

La chiesa che comunemente chiameremmo di Santa Maria della Pomposa, voluta nel 1716 dal dal duca Rinaldo I e affidata al noto storico modenese Ludovico Antonio Muratori, è solo l'ultimo nome affidato a quel complesso. In effetti, è stata sempre nota ai modenesi come chiesa di San Sebastino, mentre il nome Santa Maria Pomposa è solo il nome che le è stato affidato derivando da quello di una omonima abbazia nel ferrarese vicino al delta del Po. La chiesa attuale è stata edificata su quella medievale di cui si trovano tracce solo dal 1153, ma che potrebbe essere ben più antica. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Venerdì sera, ritorna la movida. Multati sei locali del centro storico

  • Contagio. In provincia 11 casi, di cui 6 asintomatici del focolaio di Carpi

  • Perde il controllo della moto, 21enne muore sulla Nuova Estense

  • Coronavirus, un giorno da ricordare. Nessun nuovo caso e nessun decesso a Modena

  • Contagio, un nuovo caso a Modena. Deceduta una donna di Pavullo

  • Chiude anche la Cornetteria: "Queste regole impediscono di lavorare"

Torna su
ModenaToday è in caricamento