Mamme, bambini e volontari di Casa Regina vicini allo sfratto, "Dalla politica nessuna risposta"

"Il 12 luglio l'esperienza di Casa Regina rischia di morire definitivamente. Perché Regione e Comune di Modena non hanno fatto nulla?", affondo della Lega sulla situazione della villa di Villanova dove per vent'anni sono state ospitate madri fragili

"Un servizio di accoglienza fondamentale per tutta la provincia fatto sparire all'improvviso e senza tenere conto del testamento del donatore. Una realtà apprezzata da tutti, operatori dei servizi sociali e utenti, mamme e donne in difficoltà, che i volontari di Casa Regina, da oltre 20 anni, hanno aiutato a reinserirsi nel mondo del lavoro dopo un periodo di transizione che durava al massimo 2 anni. Mamme e bambini accolti in un contesto famigliare, garanzia di un recupero completo, un know-how unico che però è stato (momentaneamente) cancellato". Luca Bagnoli e Stefano Soranna della Lega di Modena ripuntano i riflettori sulla situazione di Casa Regina e della villa situata a Villanova che fino al 2017 ha regolarmente ospitato centinaia di donne in situazion di emergenza e i loro bambini. 

"I volontari di Casa Regina sono nei fatti isolati, forse perché persone libere interessate solo ad aiutare i loro ospiti, mamme e bambini? A qualcuno per caso interessa la villa di Villanova? Qualcuno vuole che i volontari di Casa Regina entrino a far parte di qualche realtà più consolidata così da essere più controllati? I volontari di Casa Regina non possono certo essere trattati come abusivi e dover addirittura pagare le spese per difendere un loro diritto. Al momento, né Regione né Comune sembrano interessati ad aiutare i volontari, qual è la ragione? Comportamento che danneggia prima di tutto gli utenti del servizio, mamme sole e in gravi difficoltà", proseguono i leghisti..

Il 12 luglio i volontari di Casa Regina conosceranno la decisione di primo grado del giudice delle locazioni: se la decisione sarà quella dello sfratto il servizio di accoglienza ed aiuto non riprenderà in tempi brevi, e solo in attesa che si trovi una nuova sede. 

La Comunità, costituitasi, per iniziativa del padre gesuita Remo Sartori, come Fondazione Casa Regina della Famiglia nel 1998, ha iniziato la sua attività volontaria di accoglienza in collaborazione coi servizi sociali di Modena e provincia nel 2000. Si è sempre rivolta sopratutto a mamme e bambini in difficoltà e donne sole, italiane e straniere; offrendo loro una ospitalità familiare, all’interno della Villa lasciata in eredità dalla nobildonna Teresa Messerotti Benvenuti, in località Villanova di Modena, per farne un centro di carità e assistenza. In questi 20 anni oltre ad avere accolto più di 350 persone, ha svolto anche iniziative formative sul piano spirituale, umano e professionale, educative e di animazione rivolte alle famiglie del territorio. Nel 2017 a causa di un impasse amministrativo, mentre la Casa era nel pieno svolgimento delle sue attività, la Regione Emilia Romagna ha dichiarato estinta la Fondazione. Le procedure di liquidazione avviatesi ad opera del Dott. Giorgio Razzoli hanno portato alla eliminazione del servizio. Gli operatori volontari sono ora in attesa della decisione della Magistratura, il rischio reale è quello dello sfratto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza di 22 anni muore dopo il trasporto dall'Ospedale di Sassuolo a Baggiovara, aperta indagine

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Stasera su Italia1 anche Modena protagonista della puntata de "Le Iene Show"

  • Scoperto a Modena un deposito di bici rubate, si cercano i proprietari

  • Travolta lungo via Giardini, grave una 52enne soccorsa dall'eliambulanza

  • Negoziante aggredisce alcuni clienti minorenni, arriva la Polizia

Torna su
ModenaToday è in caricamento