Pranzo solidale, dalla Festa de l'Unità 7mila euro per Montegallo

Si è tenuto alla Festa provinciale de l'Unità di Modena il pranzo solidale pro-terremotati, che ha visto anche la partecipazione del paese della Marche in cui operano i volontari modenesi ed emiliani

Sono in totale 7mila euro i fondi raccolti per i terremotati di Montegallo, nel corso del pranzo solidale organizzato domenica scorsa alla Festa provinciale de l’Unità di Modena. Poco meno di 400 persone hanno scelto il menù solidale, il cui incasso era devoluto in beneficienza, per un totale complessivo di 5.200 euro. A questa cifra, la Segreteria provinciale del Pd ha deciso di aggiungere anche il 10% dell’incasso degli altri menù proposti dai cinque ristoranti aperti per l’occasione. “In questo modo – afferma il segretario provinciale Pd Lucia Bursi – siamo in grado di destinare al Comune di Montegallo 7mila euro che si vanno ad aggiungere ai 5.500 euro che, proprio il primo giorno della Festa, abbiamo destinato ai terremotati del Centro Italia”. 
 
Un incontro conviviale solidale particolarmente riuscito. Si è tenuto, domenica, alla Festa provinciale de l’Unità di Modena, il pranzo pro-terremotati della zona di Montegallo, il Comune appenninico in cui è al lavoro la Protezione civile dell’Emilia-Romagna. Lo stesso sindaco di Montegallo Sergio Fabiani ha partecipato al pranzo solidale. I fondi raccolti ammontano a un totale di 7mila euro. Poco meno di 400 persone (398 per la precisione) hanno scelto il menù solidale, il cui incasso era devoluto in beneficienza, per un totale complessivo di 5.200 euro.

A questa cifra, la Segreteria provinciale del Pd ha deciso di aggiungere anche il 10% dell’incasso degli altri menù proposti dai cinque ristoranti aperti per l’occasione. “In questo modo – afferma il segretario provinciale Pd Lucia Bursi – siamo in grado di destinare al Comune di Montegallo 7mila euro che si vanno ad aggiungere ai 5.500 euro che, proprio il primo giorno della Festa, abbiamo destinato ai terremotati del Centro Italia”.  

Domenica, il sindaco Fabiani ha portato la propria testimonianza, parlando dal Palaconad, insieme al presidente della Regione Stefano Bonaccini, al presidente della Provinciale Gian Carlo Muzzarelli, ai i vertici della Protezione civile, compresi i volontari di Protezione civile. Toccanti le parole che ha rivolto agli emiliano-romagnoli “Dopo neanche 12 ore dalla prima scossa eravate già da noi – ha confermato Fabiani – Siete persone speciali, non solo bravi, ma anche capaci di attaccamento fraterno”. A Montegallo, ha spiegato il sindaco, il 90% degli edifici pubblici e privati sono stati lesionati. Grazie all’intervento della Protezione civile dell’Emilia-Romagna, il 25 settembre prossimo saranno inaugurati il municipio, la scuola e la farmacia provvisori, un sistema di servizi fondamentale per garantire l’avvio della fase post-emergenziale.

Con l’occasione, Stefano Galli, in rappresentanza del Circolo Pd di Savignano sul Panaro, ha consegnato al sindaco Fabiani un bonifico di 905 euro raccolti durante una cena solidale tenutasi alla locale Festa de l’Unità. Anche un gruppo di cooperatori – tra cui le cooperative dell’agro-alimentare aderenti a Legacoop Granterre, Parmareggio e Gruppo Grandi Salumifici italiani – ha annunciato formalmente al sindaco Fabiani una donazione di 150mila euro, frutto di una raccolta che sarà effettuata a sostegno della ricostruzione di Montegallo. Infine, il Comitato Anziani e Orti di S. Agnese S. Damaso ha consegnato al sindaco Fabiani 1.500 euro raccolti nel corso delle loro feste. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

Torna su
ModenaToday è in caricamento