Sassuolo, Menani: "Sì al tavolo tecnico interforze sulla sicurezza"

Lo ha chiesto il vicesindaco Gian Francesco Menani al Prefetto di Modena Benedetto Basile: "Soluzione già adottata a Roma e in altre città. Molti i benefici contro la microcriminalità"

L’istituzione di un “Tavolo tecnico Interforze” per il controllo della sicurezza e dell’ordine pubblico: è quanto ha chiesto formalmente in una lettera al Prefetto di Modena il Vicesindaco di Sassuolo, con delega alla Sicurezza, Gian Francesco Menani.

“Nelle ultime settimane – afferma Menani – ho  sollecitato assieme all’Onorevole Alessandri, al Prefetto l’istituzione di questo tavolo tecnico che ricalcherebbe, a grandi linee, realtà già presenti in altre città. A Roma, ad esempio, come riportato da un relatore nel Forum Europeo sulla Sicurezza, esiste un tavolo tecnico permanente che sta producendo importantissimi risultati per quanto riguarda il contrasto alla microcriminalità e il ripristino della sicurezza e dell’ordine pubblico.

"La realtà di Sassuolo – prosegue il Vicesindaco – è sicuramente diversa da quella romana ma, a mio avviso, la possibilità di un tavolo ad esempio a cadenza settimanale, dove i rappresentanti del Forze dell’Ordine possano rapportarsi con la Prefettura in modo da rendersi conto, ognuno per quanto riguarda le proprie conoscenze, in maniera diretta della realtà esistente attraverso una presa d’atto di esposti e segnalazioni, sarebbe utilissima alla nostra città perché è stato più volte dimostrato che, lavorando in sinergia dietro un coordinamento, le forze dell’ordine presenti sul territorio possono ottenere risultati maggiori di quanto ottengono lavorando singolarmente ed in modo indipendente.

D’altro canto – aggiunge Gian Francesco Menani - le forze di Polizia di Stato presenti sul territorio e la Polizia Municipale hanno da tempo instaurato intensi e proficui rapporti di collaborazione e, spesso, hanno portato a compimento importanti operazioni di Polizia Giudiziaria. Si tratterebbe, quindi, di formalizzare una procedura di collaborazione che trova già applicazione, rispetto a singole tematiche di volta in volta emergenti, ma che merita un riconoscimento ed una istituzionalizzazione in vista di più ambiziosi obiettivi in tal modo raggiungibili”.

Il trovarsi a cadenza regolare potrebbe consentire una maggiore circolarità di informazione e, attraverso la presa in carico dei temi trattati a cura di questo o di quell’ altro Organo di Polizia, la razionalizzazione delle forze e il conseguente impiego a ragion veduta su ulteriori problemi di sicurezza segnalati o particolarmente avvertiti dai cittadini di Sassuolo.

“La vera sicurezza per un territorio – conclude il Vicesindaco di Sassuolo Gian Francesco Menani – la si può ottenere lavorando sul campo con un’azione continua ed organica da parte di tutte le Forze dell’Ordine, non rimanendo fermi nei palazzi; mi auguro che il Prefetto accolga la proposta per il bene di Sassuolo e dei sassolesi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina all'Eurospin, all'ospedale un dipendente colpito con un fucile

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Assalto armato al portavalori, guardie rapinate all'uscita del Grandemilia

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

Torna su
ModenaToday è in caricamento