Calcioscommesse, arrestati gli ex Modena Zamperini e Doni

Il 30 settembre scorso, Zamperini avrebbe avvicinato un giocatore del Gubbio per truccare un match di Coppa con il Cesena: vistosi rifiutare, è stato denunciato alla Giustizia Sportiva e alla Polizia che l'ha arrestato stamani

La maglia modenese di Alessandro Zamperini

Figurano anche gli ex gialloblu Alessandro Zamperini e Cristiano Doni nell'elenco dei 17 destinatari di ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Cremona nell'ambito della seconda tranche dell'inchiesta sul calcioscommesse denominata "Last bet". Le manette sono scattate stamattina presto anche per l'ex interista Luigi Sartor, l'ex centrale del Piacenza Carlo Gervasoni e lo spezzino Filippo Carobbio. A capo della struttura dell'organizzazione transnazionale scoperta dalla Polizia vi era un certo Eng Tan Seet, detto "Dan": quest'ultimo, attraverso una rete di collaboratori a Singapore e nell'Europa dell'Est, organizzava puntate sulle partite truccate su siti internet asiatici, ritenuti più sicuri e al riparo da sguardi indiscreti. Stamattina alle 10,30, in una conferenza stampa presso la Questura di Cremona verranno diffusi ulteriori dettagli.

ZAMPERINI - Un difensore centrale con un curriculum giovanile di tutto rispetto poi risoltosi in un'eterna gavetta nelle serie minori. Questa in sintesi la carriera di Alessandro Zamperini, nato nel 1982. I primi calci li tira con i biancocelesti della Lazio, ma alla fine sono i rivali della Roma a fargli firmare il primo contratto da pro. Dopo non avere totalizzato alcuna presenza con i giallorossi, nel 2001 il centrale romano oltrepassa la Manica per accasarsi in First Division al Portsmouth dove scende in campo per 26 volte segnando due reti. L'anno successivo, Zamperini sarà fra gli acquisti della mitica "Longobarda" gialloblu di Gianni De Biasi in Serie A, ma rimarrà fermo al palo delle zero presenze. I gialli si salvano, il difensore scende di categoria in Serie C: Acireale, Sambenedettese, Ternana, Cisco Roma, Pescina Valle del Giovenco, fino all'estate del 2009 in cui torna a varcare i confini nazionali per i campioni lettoni del Ventspils: con questa maglia segnerà anche il gol del pareggio in una partita di Europa League in trasferta contro lo Sportin di Lisbona. Per il resto, viene ricordato più per le sue prodezze fuori dal campo: Zamperini è un volto noto delle cronache rosa per i suoi flirt con la velina Federica Nargi, la showgirl Hoara Borselli e l'ex ballerina nonché attuale consigliere regionale Pdl in Lombardia Nicole Minetti. Dalla conferenza stampa tenutasi stamattina, è emerso che sarebbe stato Zamperini ad avvicinare il 30 settembre 2011 ad avvicinare un giocatore del Gubbio, formazione militante in Serie B, poco prima dell'incontro di Coppa Italia con il Cesena: l'eugubino ha rifiutato l'offerta di combine (si parla di 200mila euro), ha denunciato l'episodio prima alla giustizia sportiva e poi alla Polizia di Stato. Così sarebbe ripartita l'inchiesta "Last Bet" che stamattina ha portato all'arresto dello stesso Zamperini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

DONI - Quella che a lungo è stata la bandiera dell'Atalanta ha messo piede nel calcio grazie al Modena Fc che nel 1991 lo prelevò dai dilettanti veronesi e lo fece militare nella propria formazione primavera allenata da Sergio Buso. Inviato in prestito a farsi le ossa in Serie C al Rimini e alla Pistoiese, venne ceduto in comproprietà nel 1994 al Bologna. Nel 1996, il Brescia acquisì il cartellino in via definitiva, ma fu con i rivali dell'Atalanta che nel 1998 iniziò quel percorso che lo avrebbe portato alla definitiva consacrazione nella stagione 2001/02, culminata con la convocazione ai Mondiali di Corea e Giappone (nel frattempo venne assolto dall'accusa di combine di un match di coppa Italia del 2000 con la Pistoiese). Nel 2003, Doni passa alla Sampdoria e soffrirà diversi infortuni che ne pregiudicheranno il rendimento. Nel 2005 l'unica esperienza all'estero al Maiorca: resterà in Spagna un anno per poi tornare all'Atalanta e concludere la carriera con la squalifica a tre anni e mezzo per avere truccato alcune partite del campionato di Serie B del 2010/11.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro sulla Tangenziale di Vignola, deceduta una automobilista

  • Coop Alleanza 3.0, la Cgil conferma lo stato di agitazione dopo le denunce dei dipendenti

  • Contagio, 7 positivi a Modena. Si tratta di due focolai famigliari

  • Coronavirus, stranieri positivi rientrati in Italia e isolati. Salgono di 51 i casi in regione

  • Nubifragio e allagamenti, disagi lungo la Pedemontana per gli smottamenti

  • Malore durante il bagno, turista modenese perde la vita a Rimini

Torna su
ModenaToday è in caricamento