Il campione modenese Vandelli raduna la Nazionale di Wheelchair Hockey in città

Il 41enne Lorenzo Vandelli è il campione italiano di Wheelchair Hockey e grazie al suo prestigio la Nazionale Italiana si allenerà a Modena. Infatti, i 19 giocatori si stanno preparando alle competizioni internazionali

E’ Modena la città scelta per accogliere la Nazionale Italiana di Wheelchair Hockey (hockey in carrozzina) in occasione del primo raduno nazionale della squadra in vista dei prossimi impegni internazionali: diciannove giocatori che raccolgono tutto il top dell’hockey italiano, campioni nella vita perché nello sport e nell’hockey in particolare hanno trovato il modo di esprimere le loro caratteristiche. Tra i convocati anche il modenese Lorenzo Vandelli41enne capitano e ideatore del gruppo sportivo modenese Sen Martin, nato nel 2008 con la collaborazione del Csi Modena. E' grazie al grande impegno di Lorenzo icona del Sen Martin e della città di Modena, e alla collaborazione del Csi Modena e Panathlon Modena, se la Nazionale riuscirà ad approdare nella nostra città in occasione di questo raduno che rappresenta l’inizio di un nuovo ciclo per la squadra di azzurri, dopo il settimo posto conquistato ai mondiali di agosto disputati a Monaco di Baviera. 

GLI OBIETTIVI DI VANDELLI. "Grandissima soddisfazione per questa convocazione inaspettata – sottolinea Lorenzo Vandelli - a 41 anni e dopo la scelta, sei anni fa, di ripartire da zero … a Modena pensavo che certi obiettivi fossero un capitolo chiuso. Cercherò di metterci il massimo impegno per non deludere la fiducia concessa degli allenatori e per tenere alto il nome di Modena. Gioia che condivido con i ragazzi della mia squadra, il merito di questa convocazione è anche loro per quanto di buono fatto in questi anni!".  La Nazionale si allenerà “a porte chiuse” nella giornata di sabato 29 novembre presso il complesso sportivo di San Donnino, situato in via della Genziana n.18, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 19. Domenica 30 novembre, alla mattina dalle 9.30 alle 12.30, è invece in programma una partita amichevole tra la Nazionale –suddivise in due squadre – ed il gruppo sportivo modenese Sen Mertin, un’occasione da non perdere per vedere in azione questi ragazzi dotati di una straordinaria passione verso lo sport e verso la vita.

SPINELLI: "DA NOI NON CI SONO STAR, MA LA PASSIONE PER LO SPORT". Una passione che viene sottolineata anche dal presidente della Federazione italiana wheelchair hockey Antonio Spinelli: Chiunque oggi abbia voglia di fare sport deve poter trovare accanto a se un “progetto” serio capace di appassionarti, coinvolgerti, emozionarti – spiega il presidente della Federazione italiana wheelchair hockey Antonio Spinelli - da noi non esistono “stelle”, “prime donne”. Tutti sono campioni allo stesso modo. Quando entri in una palestra per giocarti la tua partita ti porti appresso tensione, ansia, aspettative. Sai che devi confrontarti con un avversario e possibilmente batterlo, vincerla quella gara. Sai che il protagonista sei tu insieme hai tuoi compagni. Sai che devi mettercela tutta anche se le tue forze spesso ti abbandonano o non ne hai da mettere in gioco. Sai che ogni gara per te è un sacrificio, uno sforzo notevole, un impegno non da poco.  Ecco questo è il nostro sport, questo è il wheelchair hockey”.

I NOMI DELLA NAZIONALE ITALIANA. Sono originari della Sicilia, di Roma e in generale di tutto il nord Italia, tra i diciannove anche una ragazza, una squadra che raccoglie il top dell’hockey italiano sotto la guida di due allenatori – la coppia di allenatori Vadalà (ex Venezia) e Marinelli (ex Roma) assolutamente ben preparati ad affrontare questa sfida: Simone Bettineschi, Claudio Carelli, Emanuel Farcasel, Andrea Felicani, Marco Ferrazza, Jon Jignea, Daniele Lazzari, Marco Lazzari, Tommaso Liccardo, Mattia Muratore, Francesca Nicolosi, Francesco Prima, Andrea Ronsval, Claudio Salvo, Mirko Tomassini, Fabio Toniolo, Lorenzo Vandelli, Luca Vittadello. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni: Provincia di Modena in linea con la Regione. Via Emilia targata Pd

  • Frontale fra auto e camion, 26enne muore sulla Panaria Bassa

  • Raro tumore ad una mano, trentenne salvato dalla cooperazione medica tra Modena e Bologna

  • Gli insulti in dialetto modenese più famosi

  • Acqua "del rubinetto" e tumori alla vescica, uno studio fa luce sulle correlazioni

  • Bambina di sei anni precipita dalla seggiovia, paura sul cimone

Torna su
ModenaToday è in caricamento