Truffe agli anziani, le campagne della Bassa sotto assedio

Altri tre casi registrati nelle ultime ore, tra Carpi e Mirandola, dove ignoti hanno derubato i residenti di denaro e gioielli fingendosi tecnici del gas e carabinieri. Un reato davvero difficile da contrastare

I truffatori non vanno in ferie. Negli ultimi giorni si sta assistendo ad una nuova ondata di crimini ai danni di anziani, in particolar modo nei comuni della Bassa modenese, dove si trovano abitazioni di campagna isolate che rappresentano un terreno di caccia ideale per molti malintenzionati. Sono tre i casi denunciati a Polizia e Carabinieri nelle ultime ore, due dei quali avvenuti con identiche modalità, tanto da far supporre che un gruppo di truffatori sia intento in scorribande pianificate.

Il metodo è quello ormai noto e collaudato, tuttavia ancora efficace. In due occasioni una coppia di uomini si è presentata a casa di anziani soli – forse dopo un attento lavoro di osservazione e monitoraggio della zona – fingendo di rappresentare la compagnia del gas e segnalando una perdita. Le due vittime, entrambe donne, sono state dapprima rassicurate con toni professionali e concilianti, poi invitate a mettere in un contenitore il denaro e i gioielli, per evitare un fantomatico danneggiamento a causa del gas disperso nell'aria.

I truffatori hanno poi impiegato pochi istanti ad afferrare il malloppo e fuggire. Un colpo da poche centinaia di euro nel carpigiano e di ben 3.000 euro tra contanti e monili d'oro a Mirandola. Un caso differente ha riguardato invece un'altra anziana vittima, derubata questa volta da un finto carabiniere, che si è presentato alla porta di casa con un finto berretto dell'Arma, riuscendo a farsi accogliere nell'abitazione e sparendo poi con la refurtiva.

Le tracce lasciate da questi criminali sono davvero limitate e per le forze dell'ordine risulta tutt'altro che facile svolgere indagini sui reati in questione, che stanno conoscendo un drammatico boom nel nostro territorio. La debolezza intrinseca dei soggetti presi di mira dai malviventi rende poi tutto ancora più complesso, richiamando ad un senso di responsabilità famigliari e  amici degli anziani, cui dovrebbe spettare il compito di informare chi non è in grado di farlo da solo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Secchia e Panaro in piena, i ponti restano chiusi. Si contano i danni per gli allagamenti

  • Indagine sui prezzi nei supermercati: Esselunga e Coop si dividono la spesa online

  • Gli eventi da non perdere nel weekend a Modena e provincia

  • Niente comizio in centro per Salvini. E le "sardine" si spostano in Piazza Grande

  • Il Panaro raggiunge livelli ciritici, chiude via Emilia. La situazione della viabilità

  • Salvini arriva a Modena, Anche sotto la Ghirlandina scatta la mobilitazione delle "sardine"

Torna su
ModenaToday è in caricamento