Truffa del CD-rom, incastrato un 45enne dopo sette colpi in città

Raccoglieva informazioni accurate sulle vittime e si presentava come il conoscente di un figlio, facendosi poi consegnare denaro in cambio di un disco. Identificato e arrestato durante le vacanze al mare

Sceglieva con attenzione le proprie vittime, tutti uomini over 70, benestanti e con figli. Svolgeva su di loro ricerche abbastanza a approfondite sulle relazioni famigliari, gli stili di vita, i luoghi frequentati e altro, in modo da preparare il colpo nella maniera più credibile possibile. Poi si presentava a bordo della propria auto mentre gli anziani erano a piedi in strada, li avvicinava e li chiamava per nome, spiegando di essere un conoscente di un figlio. Tutto questo per "vedere" un banale cd-rom - ovviamente vuoto - sostenendo che vi fosse un accordo pregresso con il figlio della vittima e chiedendo in cambio una cifra variabile tra i 200 e i 300 euro.

Sono ben sette le truffe di questo tipo denunciate da altrettanti cittadini modenesi tra il febbraio e il giugno di quest'anno: un numero di colpi considerevole che ha mosso in tempi rapidi gli investigatori della Questura, con la Squadra Mobile impegnata in rapide indagini. L'inchiesta ha avuto successo e ha permesso di rintracciare il malfattore, identificato in un 45enne di origine napoletana, pluripregiudicato proprio per reati di questo tipo e noto per le truffe messe a segno un po' in tutta Italia.

La videointervista - "Un reato che colpisce l'amor proprio"

Incrociando le immagini della videosorveglianza con le testimonianze delle vittime e con altri accertamenti tecnici, gli investigatori della Mobile hanno pian piano chiuso il cerchio intorno al truffatore e il sostituto procuratore Giuseppe Amara ha chiesto e ottenuto dal Gip l'ordinanza di custodia in carcere. E' servita quasi una seconda indagine per rintracciare il 45enne, che come detto era solito girare continuamente per la Penisola senza fornire punti di riferimento: mercoledì scorso i poliziotti lo hanno raggiunto e arrestato mentre stava trascorrendo le vacanze a Scalea (CS) e accompagnato in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Coronavirus, cresce il numero dei contagiati. Casi anche a Sassuolo e Maranello

  • Coronavirus, raggiunta quota 47 contagi in regione. A Modena sono 8 gli ammalati

Torna su
ModenaToday è in caricamento