Trend produttivo incerto, le esportazioni sono ormai il 40% del fatturato della manifattura

La ripresa sperata non è ancora arrivata nella manifattura modenese, ma a sollevare le aziende è l'aumento vertiginoso delle esportazioni. In crescita i settori dell'abbigliamento, biomedicale e meccanica, male per ceramica e trasporto

(foto di diventaremigliore.com)

Nel secondo trimestre 2015 il trend produttivo è ancora incerto, questa è la sintesi che la Camera di Commercio di Modena ha fatto per il mondo dell'industria manifatturiera. Ciò significa che il settore è tornato in una fase di crisi? No, ma che non ha ancora raggiunto i livelli di ripresa che si sperava. Infatti, Nel trimestre aprile-giugno 2015 l’industria manifatturiera della provincia di Modena ha evidenziato una leggera flessione della produzione rispetto allo stesso periodo del 2014. Tuttavia deve essere ricordato che rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, il fatturato ha riportato un incremento del +2%, un dato che viene assicurato dall'aumento delle esportazioni.  

STABILE L'OCCUPAZIONE, MA IN AUMENTO LE ESPORTAZIONI. Infatti, mentre la domanda dal mercato interno è rimasta pressoché stazionaria (+0,2%),  quella dal mercato estero ha mostrato una crescita promettente: +8,3%. Così facendo la quota di export sul totale fatturato si avvicina al 40% in media, ma per alcuni settori è sensibilmente più elevata.L’occupazione nel trimestre è apparsa pressoché stabile: -0,1%. Le previsioni delle imprese indicano una prosecuzione di tale tendenza con ben il 94% degli intervistati che non prospetta variazioni di organico. 

VERSO LA FINE DELLA CRISI PER MAGLIERIA E ABBIGLIAMENTO. Il comparto della maglieria pare essersi risollevato dai pesanti cali del primo trimestre, riportando nel secono un incremento produttivo del +2,3% e stabilità del fatturato (+0,2%). Il mercato nazionale rimane comunque depresso (-9,4% gli ordini) mentre quello estero è in leggera crescita (+1,6%). Anche il settore delle confezioni di abbigliamento presenta indicatori in positivo: +5,4% la produzione e +6,7% il fatturato, sempre nel secondo trimestre 2015 rispetto allo stesso trimestre del 2014. Particolarmente dinamico risulta il mercato estero, mentre ancora in calo quello interno.

IN AUMENTO BIOMEDCIALE E MECCANICA. Il biomedicale presenta una produzione in lieve flessione (-1,2%) e un fatturato in aumento (+6%). Sostenuta appare la domanda nella sua componente interna (+19,7% gli ordini); più debole la componente estera (-8,9%). Il settore esporta oltre il 70% del fatturato.Il settore prodotti in metallo e lavorazioni meccaniche registra una variazione di produzione del +2% mentre il fatturato riporta un calo del -1,1%; in lieve aumento gli ordini interni +0,8%, mentre si contraggono del -3,6% quelli provenienti dai mercati internazionali.

IN TREND POSITIVO SETTORE DEI MACCHINARI. Volge in positivo, dopo un 2014 di incertezza, la situazione del settore macchine e apparecchi meccanici, dove la produzione è aumentata del 3,4% e il fatturato del 6,1%. Gli ordini sia interni che esteri sono in promettente espansione: rispettivamente +7,8% e +11,5%. La quota di fatturato esportata è aumentata fino al 58,4%.Ottimo anche il trend del settore macchine e apparecchiature elettriche e elettroniche, che evidenzia crescita su tutti i fronti: +6,6% la produzione, +10,7% il fatturato, +6,6% gli ordini interni e +14% quelli esteri.

STABILE  L'INDUSTRIA ALIMENTARE.Nel secondo trimestre 2015 l’industria alimentare ha mantenuto una produzione pressoché stabile: +0,6% rispetto allo stesso trimestre 2014. Il fatturato tuttavia è diminuito del -1,5% ed anche gli ordinativi sono risultati in flessione (-4,6% dal mercato interno e -2,8% dall’estero).

CONTRAZIONE DEI SETTORI CERAMICO E TRASPORTO. Prosegue la contrazione della produzione del settore ceramico (-8,8%) mentre il fatturato resta in positivo, +2,7%. Anche in questo caso il mercato interno è in crisi (-5,9%) e quello estero continua a tirare +13,6%. Il settore è tra quelli che hanno una quota di export sul fatturato superiore alla media: 54,4%.Il comparto che produce mezzi di trasporto e il relativo indotto evidenzia un incremento produttivo dell’1,8% ma una caduta del fatturato del -15,5%. La quota di fatturato derivante dalle esportazioni è del 52,8%.
 

 



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Patente a punti. Come fare controllo e verifica del saldo

  • Meteo | Nevicate fino a quote basse, in arrivo la nuova perturbazione

  • Trova un portafogli al Novi Sad e lo restituisce, ricompensata con una cesta natalizia

  • Svaligiato un agriturismo a Nonantola, le attrezzatture ritrovate in vendita in un negozio di Castelnuovo

  • Furto in casa a Vignola, setacciati i "compro oro" e denunciata una ragazza

  • Meteo | Un venerdì difficile tra pioggia, neve e rischio gelicidio

Torna su
ModenaToday è in caricamento