martedì, 21 ottobre 11℃

Spettacolo: parte la sedicesima edizione di Teatro per Amore

E' giunta alla sua sedicesima edizione la rassegna teatrale che fa appassionare il pubblico. Gli spettacoli si divideranno tra Teatro delle Passioni e Teatro dei Segni dal 1 settembre al all'8 ottobre

Gaia Ferri 31 agosto 2011

Venti spettacoli dal 1 settembre all'8 ottobre andranno in scena per la sedicesima edizione della rassegna Teatro per Amore organizzata da Arci Comitato Provinciale di Modena e Ert - Emilia Romagna Teatro Fondazione con il patrocinio del Comune di Modena. I temi più toccati di questa  edizione saranno l'amore, l'unità d'Italia e non mancheranno certamente gli spettacoli ispirati a libri e autori letterari. Oltre che al Teatro delle Passioni, le venti compagnie amatoriali si esibiranno anche al Teatro dei Segni in zona San Giovanni Bosco.

"E' un piacere aprire la presentazione di questa rassegna - dice Maria Merelli, presidente Ert -; più che teatro per amore si può definire teatro per passione, proprio perché quest'ultima è inesauribile e si ricrea anno per anno con il bisogno che ha l'uomo di allestire spettacoli teatrali. L'atteggiamento di chi partecipa è giocoso - continua Maria Merelli -: pur anche nella fatica l'intento è quello di divertirsi, di mettere in luce competenze importanti e di creare relazioni tra persone che condividono il progetto e creano scenari a volte magici. Modena - conclude il presidente Ert - può vantare un pubblico molto consapevole ed esperto, che non si accontenta, intelligente e competente: per questo la nostra piazza  amata in tutta Italia".

Annuncio promozionale

"I due teatri in cui si svolge la rassegna - commenta Anna Lisa Lamazzi di Arci Modena - raccolgono i valori e i principi su cui è nata la rassegna tanti anni fa per dare voce e visibilità a chi fa teatro per passione a Modena. Ora abbiamo dovuto allargare gli orizzonti, sono 13 le modenesi e 7 le compagnie provenienti da tutta la Provincia. L'unico limite per partecipare è di non avere professionisti all'interno dell'organico. Un grande ringraziamento - continua Lamazzi - va ai gruppi che hanno aderito numerosi e hanno contribuito a creare il cartellone. Fin dalla nascita della rassegna abbiamo dato vita ad un vero e proprio osservatorio per raccogliere informazioni sulle compagnie e sulle loro credenziali, mettendo loro a disposizione una sala prove autogestita con prezzi popolari".

Maria Merelli
spettacoli

Commenti