Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Perché c'è una chiesa di San Geminiano sotto piazza San Marco a Venezia?

 

Oggi San Geminiano è uno dei tanti santi italiani che finiscono nel "dimenticatoio" collettivo, a meno che non sei di Modena, eppure il suo ruolo e il suo prestigio durante l'alto medioevo erano paragonabili a quelli di un San Francesco d'Assisi. Non solo era considerato un santo dai modenesi, ma da tutto l'occidente, in particolar modo perché era considerata il nostro Geminiano il più grande esorcista dell'Impero Romano d'Occidente. Perciò non è così raro trovare chiese a lui dedicate anche se può sembrarci strano che una di queste si trova sotto la famosa piazza di San Marco a Venezia.

Secondo gli scavi effettuati sembrerebbe che questa chiesa si trovasse di fronte alla famosa basilica di San Marco ma purtroppo le notizie scarseggiano, anche perché si tratta di una delle prime grandi chiese cristiane dell'Occidente, basti pensare che fu edificata nel VI secolo dal famoso generale bizantino Narsete. La storia così antica della chiesa portò gli urbanisti veneziani a distruggerla e costruirne un'altra mille anni dopo, precisamente nel 1505 grazie al lavoro di Jacopo Sansovino, che però purtroppo sarà abbattuta nel 1807 da Napoleone. 

Perchè una chiesa dedicata a San Geminiano a Venezia? Le teorie sono tante, la prima e più semplice riguarda il prestigio che aveva San Geminiano nel VI secolo quando la prima chiesa venne edificata. La seconda possibilità riguarda invece la sua vita in quanto noi sappiamo che Geminiano andò fino a Costantinopoli per libereare dai demoni la figlia dell'Imperatore Gioviano. E' molto probabile che per raggiungere quella meta il santo sia passato per Venezia. 
 

Potrebbe Interessarti

Torna su
ModenaToday è in caricamento