Itinerari Modenesi | Storia e curiosità di Sestola e dintorni

Un viaggio tra la storia e le curiosità di Sestola e dei suoi fantastici dintorni, location famose di leggende antiche

#1 Origine nome di Sestola

Il ruolo politico e militare di Sestola è da sempre legato alla sua fortezza, costruita a metà del XVI secolo. La posizione strategica di controllo delle vallate dello Scoltenna e del Leo, infatti, la poneva in una posizione di controllo all'accesso alla parte sud del Frignano. Tuttavia l'insediamento della fortezza è molto più antico ed è relativo a quell'insediamento il primo documento che parla dell'origine del nome di Sestola. Il documento che per primo annota la parola "Sextus" ossia la parola latina per indicare il borgo è risalente al 753 d.C. noto come Disploma di Astolfo, con cui il re dei Longobardi faceva dono del Castrum Sextuale e territori adiacenti all'abbazia di Nonantola, allora fondata da sant'Anselmo. Ma che cosa significa "Sextus" ? Il nome deriva dall'omonimo governatore romano di queste terre.

#2 Il Castello di Sestola

Il castello venne donato nel 753 dal re longobardo Astolfo all'Abbazia di Nonantola in modo che l'abate potesse avere la possibilità di controllare i confini meridionali modenesi così da avvertire in caso di attacco dalla Toscana. Non si sa quando venne realizzato perchè si conosce solo questo passaggio di proprietà, che ebbe un nuovo proprietario nel 1337 quando Obizzo III d'Este ne fece il più importante presidio militare del Frignano, diventando la sede del Governatore estense nella terra del Frignano. Il castello è ricco di elementi interessanti da scoprire. Primo fra tuttti la sua cerchia bastionata a pianta stellare, quindi la Palazzina del Comandante affacciata sulla corte, con di fianco l'oratorio romanico di S. Nicolò, quindi la Rocca col Palazzo del Governatore, il Torrione semicilindrico, il Mastio a strapiombo e la Torre dell'Orologio. Il Castello ospita al suo interno i Musei della Civiltà Montanara e degli Strumenti Musicali Meccanici e la “Stanza dei Ricordi” del soprano Burchi.

#3 Escursioni nei dintorni di Sestola

Il territorio attorno a Sestola è perfetto per le escursioni. I luoghi più visitati sono: i Prati di Sentino, si parte dalla località Ponte Rasola sulla via Statale Ovest, e costeggiando il Monte Rasola, si raggiunge rio Pomadello e quindi rio Costa Fredda; il secondo è il Lago dell Ninfa, situato ai piedi del Monte Cimone a 1.500 metri di altitudine nel comune di Sestola. Famoso in inverno come località sciistica, ma è in estate che riesce meglio a trasmettere la sua armoniosità; quindi, Pian del Falco, si trova lungo il sentiero 6 che si uò prendere in località Gondolina e si prosegue arrivando a ville de' La Gondolina; infine il Monte Rasola, che si raggiunge partendo dal sentiero 1 al Ponte Rasola lungo via Statale Ovest, poi si raggiunge Roncoscaglia e si prosegue lungo il percorso che diventa più erto e impegnativo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavoro nero, sospesa l'attività di una pizzeria di Maranello

  • Scappa di casa a soli 10 anni, ritrovato in stazione in piena notte

  • Licenziati due dipendenti della Polcart, i colleghi minacciano lo sciopero

  • Memoria. Medaglia d'Onore per Giovanni Carlo Rossi, papà di Vasco

  • Salvini chiude la campagna elettorale a Maranello. E arrivano le sardine

  • Al supermercarto con il contenitore per alimenti portato da casa, a Modena si sperimenta

Torna su
ModenaToday è in caricamento