#ioapro1501, Muzzarelli ai ristoratori: "Il virus non si sconfigge con l'illegalità"

Il sindaco di Modena interviene a sostegno dell’appello delle associazioni di categoria contro la protesta “Io apro”. Ok alle rivendicazioni per i ristori: “Le appoggio”

"Sono comprensibili le ragioni alla base della contestazione di chi annuncia le aperture di ristoranti, esercizi pubblici e altre strutture in violazione dei decreti e delle norme, ma non è con l’illegalità che si sconfigge il virus”. Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli interviene sulla delicata protesta #ioapro1015, che ha visto a Modena diverse adesioni, in particolare nell'ambito della ristorazione.

Il sindaco si schiera a fianco delle associazioni di categoria per stoppare ogni forma di "disobbedienza civile". Si tratta di iniziative, sottolinea il sindaco, che “possono solo contribuire ad avvelenare il clima sociale e a creare ulteriori conflitti nell’ambito della comunità”.

Per Muzzarelli, infatti, “è più che comprensibile il disagio che avvertono diverse categorie economiche e gli operatori di quei settori più colpiti dalle conseguenze dell’emergenza sanitaria, ma questo non si può tradurre in una sfida alle istituzioni: comprendo la protesta, non la violazione delle norme previste per contenere la diffusione del contagio”.

È sui ristori, invece, che dovrebbe concentrarsi l’attenzione degli operatori: “Condivido e appoggio le rivendicazioni per interventi economici tempestivi ed equi a favore delle categorie più colpite – spiega il sindaco – e su questo continueremo a sollecitare il Governo, la Regione e tutti i soggetti che possono offrire concretamente aiuto e sostegno agli operatori. Ma chi istiga alla disobbedienza forse ha altri interessi, non il bene della categoria”.

Resta ora da capire come l'autorità di pubblica sicurezza reagirà a questa iniziativa, che sta assumendo proporzioni considerevoli e la cui gestione non sarà facile. Se la palestra GimFive è stata lunedì un caso isolato e annunciato - pemeettendo così un controllo puntuale - più difficile sarà verificare numerosi locali pubblici in contemporanea. Al momento non sono state diramate in sede di Prefettura direttive specifiche sull'evento di venerdì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavoli pieni e cena regolare nei ristoranti aperti ieri sera contro il Dpcm

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • Bozza Dpcm 15 gennaio in arrivo le nuove restizioni. Emilia-Romagna a rischio rosso

  • #ioapro, controlli e multe nei locali e nelle palestre. Sanzioni anche per i clienti

Torna su
ModenaToday è in caricamento