menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Meraviglie del Territorio | 8 itinerari turistici nelle Terre di Castelli

Gli itinerari, con relativi punti d'interesse turistici, toccano i Comuni di Castelnuovo, Castelvetro, Marano, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola, Guiglia e Zocca. Da percorrere in bicicletta, a piedi o automobile

Per la promozione del territorio modense-bolognese Lapam Licom, in collaborazione con Unione Terre di Castelli, il Comune di Montese e altri importanti skateholders territoriali, ha pubblicato otto percorsi turistici con relativi punti d'interesse percorribili a piedi, in biciletta o sulle quattro ruote.Da Castelnuovo Rangone a Zocca gli itinerari interessano i comuni di Castelnuovo, Castelvetro, Marano e Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola, Guiglia e Zocca, Montese e altri territori limitrofi. Sono tutti realizzati e fruibili gratuitamente mediante l’applicazione Google Maps. Iniziamo!

Dalla Rocca di Vignola al Parco dei Sassi di Roccamalatina

Un percorso ciclo pedonale da Vignola al Parco dei Sassi di Roccamalatina di Guiglia, attraverso il centro storico di Vignola e il Percorso Sole nella natura sul lato del Fiume Panaro.
A Vignola si può arrivare in treno da Bologna o in macchina, attraversando anche il centro storico per vedere la splendida Rocca e il Palazzo Barozzi.
L’itinerario consente un'immersione nel paesaggio fluviale caratterizzato dalla presenza di salici, pioppi, ontani e da una grande varietà di arbusti, tra cui si notano il biancospino e il sanguinello. Caratteristici i diversi aspetti dell'alveo del fiume, segnati da fasi successive di erosione, di depositi e di sedimenti; si notano anche muraglioni e manufatti costruiti in epoche diverse a difesa delle acque. L'itinerario è percorribile a piedi e in bicicletta (mountain-bike), e porta direttamente nel Parco dei sassi di Roccamalatina di Guiglia.

 Dal Borgo antico di Castelvetro alla Terramara di Montale

Un itinerario naturalistico da percorrere in bicicletta che collega Castelvetro alla Montale Rangone, frazione di Castelnuovo. Si parte dall’Acetaia Comunale di Castelvetro, e a visita nel Borgo antico con un passaggio nel Musa Museo dell’Assurdo. Tramite Via Croce si attraversano il colli di Castelvetro per arrivare a Pozza, frazione di Maranello. Da qui si imbocca il percorso natura Tiepido, un itinerario immerso nel verde che conduce fino a Montale Rangone. Tramite la ciclabile di Via Zenzalose si arriva al Parco Terramare di Montale Rangone, un parco archeologico con spazio museale dedicato ai ritrovamenti di villaggi sorti in Emilia e nella zona centrale della pianura padana attorno alla metà del II millennio a.C. Nel museo all'aperto è stata ricostruita una parte del villaggio con fossato, terrapieno e due case arredate con vasellame, utensili, armi e vestiti che riproducono fedelmente gli originali di 3500 anni fa.

 Da Rocca Malatina a Monteombraro

Un itinerario escursionistico del Parco dei Sassi di Rocca Malatina, che da Rocca Malatina porta a Sasso di Sant'Andrea, passando da Montecorone con arrivo a Monteombraro. Caratterizzato da un intenso contatto con la natura, ideale per una passeggiata sia estiva che autunnale per godersi i panorami mozzafiato dell’Appennino modenese ed i tesori storico architettonici. 
In particolare Montecorone, un antico borgo il cui Castello fortificato, citato fin dal 1279, che ha dato i natali a Giovanni Maria Bononcini, che vi nacque il 23 settembre 1642; autore del celebre trattato Musico prattico, pubblicato nel 1673, che rappresentò per le generazioni successive un compendio essenziale dell'arte contrappuntistica italiana del tempo, e che fu il maggiore esponente della scuola strumentale modenese del tardo '600.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ModenaToday è in caricamento