#ModenaNonSiFerma, la beneficenza continua con la linea di abbigliamento di HIMLEN

HIMLEN, un progetto di beneficenza tutto modenese, lancia una linea di abbigliamento con l'intento di sostenere il Policlinico di Modena. Parte del ricavato sarà destinato al reparto di terapia intensiva

#ModenaNonSiFerma, questo il nome della nuova linea di abbigliamento creata da HIMLEN volta a sostenere il reparto di terapia intensiva del Policlinico di Modena.

HIMLEN è un progetto di beneficenza ideato da due ragazzi modenesi, Andrea Predieri e Benedetta Bensanti, che nasce dall'idea di sostenere in modo creativo e innovativo ospedali, scuole, ricoveri e istituzioni di questo genere. I loro propositi traspaiono già dal nome: HIMLEN infatti significa "cielo" in svedese. Ed è proprio al cielo che punta la freccia, usata come logo  "ad indicare l’intenzione di continua elevazione e miglioramento. Ma è anche un tetto. Che accoglie, unisce e protegge", come ci spiega Andrea. Tra le loro speranze c'è anche quella che "il simbolo della freccia diventi anche per i più giovani uno strumento di comunicazione della propria identità, portatore di uno stato d’animo, di un momento, di determinati valori e simbolo di appartenenza ad un gruppo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed è proprio conciliando quelli che sono i loro obiettivi con le necessità sussistenti in questo periodo di grande emergenza, che Andrea e Benedetta hanno lanciato i loro nuovi capi, disponibili sulla pagina web dedicata. In vendita felpe e magliette recanti la scritta "ModenaNonSiFerma", con l'obiettivo di donare parte del ricavato a chi ne ha più bisogno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si toglie la mascherina e sputa ai carabinieri, denunciata insieme al compagno

  • Coronavirus, altri 139 casi a Modena. I decessi salgono a 61

  • Contagio. Sforata quota 10mila positivi, con 800 nuovi casi. "Trend in diminuzione"

  • LE FOTO | Modena, posti di blocco ad est e ovest della città "fantasma"

  • Boato e lieve scossa di terremoto, epicentro a Cavezzo

  • Dalla “spesa di guerra” alla “spesa di conforto”, cambiano gli acquisti da quarantena

Torna su
ModenaToday è in caricamento