Omicidio, violenza e tentato sequestro: ergastolo per Raffaele Esposito

Il Tribunale di Modena ha condannato oggi il 34enne di Savignano, colpevole dell'omicidio della prostituta della quale poi bruciò il cadavere, ma anche di altre due aggressioni ad altre donne

Oggi il Tribunale di Modena ha emesso la sentenza del processo, co rito abbreviato, che vedeva imputato il 34enne Raffaele Esposito, ecx cuoco di origine campana e residente a Savignano sul Panaro. Esposito era accusato di omicidio volontario, distruzione di cadavere, violenza sessuale e tentato sequestro di persona: una serie di reati terrificanti che gli sono valsi la condanna all'ergastolo.

I fatti risalgono alla tarda estate dell'anno scorso, quando la Procura di Modena e i Carabinieri individuarono nel 34enne l'autore di un atroce delitto: l'omicidio della prostituta rumena il cui cadavere carbonizzato fu rinvenuto in un parcheggio accanto al Panaro in zona San Donnino. L'uomo si trovava già in cella all'epoca, in quanto identificato come l'autore di una violenza sessuale ai danni di una giovane di Zocca. L'indagine gli aveva poi attribuito anche un tentativo di sequestro ai danni di un'altra ragazza, avvenuto sulla pubblica via a Savignano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque emiliani contagiati, Bonaccini: "Stiamo valutando chiusura di nidi, scuole, impianti sportivi e musei"

  • Trema la pianura, scossa di terremoto MI 3.4 tra Modena e Reggio

  • Coronavirus. Tutte le scuole in Emilia-Romagna chiuse fino al 1 marzo

  • Due nuovi casi di contagio a Modena, ricoverati due famigliari del paziente carpigiano

  • Aggiornamento Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna. "Chi ha dubbi chiami il 118"

  • Un contagio da Coronavirus anche nel modenese, ricoverato al Policlinico

Torna su
ModenaToday è in caricamento