rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Cronaca

Pestato all'uscita della polisportiva Saliceta, salgono a tre le condanne

I fatti risalgono al luglio 2016, quando un 33enne era stato abbandonato sul marciapiede antistante a struttura di Saliceta San Giuliano dopo essere stato pestato a sangue

ISCRIVITI AL CANALE WHATSAPP DI MODENATODAY

E' un martedì sera di luglio 2016, e alla Polisportiva Saliceta San Giuliano c'è la serata "Lady Kelly". Partecipano tanti giovani sui vent'anni che ballano, bevono, si divertono. Ma c'è una presenza poco gradita, a tratti molesta: un 33enne sotto evidente effetto di droga e alcol.

L'uomo rivolge un apprezzamento di troppo ad una ragazza, e due amici di lei decidono di fargliela pagare. Il 33enne viene pestato a sangue con l'aiuto di un terzo che prende parte colluttazione senza un'apparente ragione, per poi essere abbandonato esanime nel vialetto che collega la polisportiva al parcheggio.

Viene notato dopo circa un'ora da persone di passaggio, che chiamano i soccorsi. In via Panni arrivano Carabinieri e sanitari, che lo portano all'Ospedale di Baggiovara, dove viene sottoposto ad un delicato intervento chirurgico al cranio, ormai massacrato.

Il Nucleo Investigativo dell'Arma indaga per tentato omicidio: l'intenzione degli aggressori infatti, sarebbe stata proprio quella di uccidere il 33enne. I Carabinieri interrogano svariate persone, tra cui una che cerca di depistare le indagini. Vengono individuati i presunti colpevoli, e su richiesta della Procura di Modena il Giudice per le Indagini Preliminari emette delle misure cautelari: i giovani aggressori finiscono agli arresti domiciliari, mentre per il ragazzo che aveva tentato il depistaggio c'è l'obbligo di dimora nel comune di Modena, con la prescrizione di rimanere in casa nelle ore serali e notturne. Si attende il processo. 

Il processo inizia, e nel gennaio 2019 due degli aggressori patteggiano rispettivamente a quattro anni e quattro mesi e tre anni e otto mesi di carcere. Nel settembre 2022 la vittima, miracolosamente sopravvissuta, testimonia, dichiarando di aver perso tutto dopo quella notte, e di non riuscire più nemmeno a parlare, se non con grande fatica.

Si arriva a questa mattina in Tribunale. Il Collegio, presieduto dal Giudice Dott. Roberto Giovanni Mazza, si è espresso sulle responsabilità degli altri due ragazzi. E' stato condannato a quattro anni e sei mesi di carcere un 25enne guineano, del quale si sono perse le tracce da tempo, ritenuto il terzo autore materiale del pestaggio. Assolto invece il giovane che doveva rispondere di favoreggiamento e autocalunnia.

Pestato a sangue lasciato sul marciapiede, giallo in via Panni 

Pestato all'uscita della polisportiva, si indaga per tentato omicidio 

Pestaggio all'uscita della polisportiva, due giovani arrestati per tentato omicidio 

Pestato a sangue all'uscita della polisportiva - IL VIDEO 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pestato all'uscita della polisportiva Saliceta, salgono a tre le condanne

ModenaToday è in caricamento