Si chiude l'appalto de La Pieve presso Ondulati Maranello, 21 lavoratori a rischio

Sciopero da tre giorni presso l'azienda maranellese. Il sindacato chiede che i lavoratori in appalto vengano assunti direttamente: altrimenti dal 1 gennaio saranno a casa

Sciopero di 8 ore stamattina dei lavoratori dell’appalto La Pieve che ha in gestione il reparto piegatura, incollatura e montatura plateau dell’Ondulati Maranello, che nella sede di via Tazio Nuvolari a Maranello conta 120 dipendenti diretti nei reparti ondulatore, scatolificio e impiegati. A questi si aggiungono appunto  i 21 addetti dell’appalto de La Pieve Srl introdotto nel 2012 per la prima volta.

La mobilitazione di oggi fa seguito a 4 ore di sciopero effettuate anche il 10 e l’11 dicembre, che rientrano in un pacchetto complessivo di 32 ore di sciopero proclamate dalla Slc Cgil e da gestire da parte delle Rsu,contro l’annuncio della chiusura del reparto piegatura, incollatura e montatura plateau entro fine anno. "Ciò  - spiegano sindacati e lavoratori - non per mancanza di attività o di cessazione della stessa, ma per mera volontà dell’Ondulati di esternalizzare questa attività".

Da sempre esiste commistione tra La Pieve Srl e l’Ondulati Maranello, poiché spesso i dirigenti di quest’ultima davano precise indicazioni di lavoro agli addetti della Pieve e, viceversa, i lavoratori della Pieve venivano impiegati anche in lavorazioni presso l’Ondulati Maranello.

Ai primi di novembre La Pieve ha ricevuto formale comunicazione dal committente che le toglieva una lavorazione legata alla montatura plateau, con conseguente ricorso all’ammortizzatore ordinario per temporanea riduzione di attività, visto che non si potevano più impiegare tutte le 21 persone su 2 turni.

Il 28 novembre L’Ondulati Maranello ha comunicato a La Pieve che al 31 dicembre 2019 cesserà ogni attività di appalto. Pertanto l’operazione dei primi di novembre non rispondeva ad una riduzione di attività, ma ad una precisa volontà di arrivare alla completa esternalizzazione del reparto.

La Slc Cgil, insieme alla Rsu chiede che i lavoratori dell’appalto La Pieve vengano direttamente assunti dall’Ondulati Maranello in quanto il reparto è a tutti gli effetti un reparto dell’Ondulati e tra le due realtà è sempre esistita commistione sin dal 2012 quando è stato costituito l’appalto stesso. I 21 addetti sono in prevalenza lavoratori stranieri con famiglie a carico e spesso senza altro reddito familiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Chiediamo la convocazione di un tavolo urgente alla presenza di entrambe le società La Pieve e L’Ondulati Maranello, in particolare di quest’ultima, in quanto committente, affinché si giunga alla internalizzazione di tutti i lavoratori, anche in considerazione del fatto che i macchinari e il capannone sono di proprietà dell’Ondulati", dichiarano Slc Cgil e Rsu, che in più auspicano che le istituzioni locali e regionali si facciano parte attiva nella vertenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus. Modena rallenta, ma si aggiungono 10 decessi

  • E' positiva al virus ma esce in bicicletta, denunciata a Modena una 47enne

  • Famiglia senza più soldi, dopo l'annuncio in tv la spesa arriva a casa

  • Contagio. Nuovi positivi in regione, oggi +713. Altri 88 decessi

  • Buoni spesa, a Modena fino a 500 euro a famiglia. Domande da lunedì

  • Coronavirus, in Emilia-Romagna 608 positivi e 75 decessi in più

Torna su
ModenaToday è in caricamento