Modenantiquaria torna con la 35esima edizione con grandi novità

Modenantiquaria 2021, XXXV Edizione: nuove date e nuovi contenuti per la Mostra da sempre meta degli gli amanti dell’arte, designer ed esperti del settore

Tutto lo staff di ModenaFiere è già all’opera per preparare la prossima edizione di Modenantiquaria che presenta un’importante novità riguardo alle date . Infatti si svolgerà dal 10 al 18 aprile.

”Per l’edizione 2021 abbiamo preferito spostare la data per poter avere le migliori condizioni per realizzare un’Edizione di vera eccellenza - afferma il Direttore Generale di ModenaFiere Marco Momoli alla quale contiamo che potranno essere presenti  i migliori antiquari con  opere d’arte d’eccezione.  Lavoriamo perché Modenantiquaria si confermi l’appuntamento  dove cultura, passione e affari si muovono bene, insieme.”

Novità della 35esima edizione

L’altra grande novità dell’edizione 2021 è rappresentata dal completo rinnovamento di Petra, dedicata ai settori dell’antico, della decorazione, della ristrutturazione e del design per giardini e case di campagna.

“Realizzeremo il Salone con un progetto completamente rinnovato che pensiamo potrà dare a Petra la qualità ed il posizionamento che merita e che vogliamo che abbia – afferma Francesca Moratti – responsabile di entrambe le manifestazioni. Petra ritornerà agli antichi fasti: le opere delle gallerie selezionate saranno presentate in un ambiente che le valorizzerà al massimo, un grandissimo giardino verde di 2800 mq progettato e realizzato da alcuni dei maggiori vivaisti italiani; sarà inoltre inaugurato un nuovo spazio tematico dedicato alla scultura dal XIII al XX secolo. Vogliamo offrire ai nostri clienti espositori e visitatori un’esperienza unica che sia in linea con la qualità ed i contenuti di Modenantiquaria” conclude la responsabile.

Pietro Cantore, Presidente Antiquari Modenesi e Tesoriere dell’Associazione Antiquari d’Italia si è espresso molto positivamente riguardo il cambiamento di data della Manifestazione: “il mese di aprile è un periodo dell’anno molto interessante per i visitatori e i collezionisti nazionali ed internazionali; muoversi diventa più facile ed entusiasmante. Sono sicuro che sia la Città sia la Mostra sapranno accogliere il pubblico in modo esemplare essendo un periodo primaverile di rinascita. Il mercato dell’arte antica e dell’antiquariato ripartirà nel 2021 proprio con Modenantiquaria, un mese e mezzo prima di Maastricht e prima della Biennale di Firenze che si terrà in autunno. C’è voglia da parte degli espositori e degli antiquari di ripartire alla grande; le vendite e la voglia di comperare antico non si sono mai fermate nemmeno in questo periodo di forte incertezza; questo fa ben presagire una ripartenza del mercato molto significativa. In un periodo di così forte incertezza – continua Pietro Cantore - i valori veri dell’arte antica danno sicurezza ad appassionati ed investitori”. La XXXIV Edizione ha segnato un anno da record. La prossima, nelle sue nuove date e con i contenuti sempre più ricchi, rappresenterà idealmente un momento di ripartenza e di nuovo inizio per tutto il settore dopo mesi di grandissima difficoltà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • #IoApro, si allarga anche a Modena la protesta dei commercianti per riaprire tutto il 15 gennaio

  • Tavoli pieni e cena regolare nei ristoranti aperti ieri sera contro il Dpcm

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • Coronavirus, percentuale di positivi in crescita. A Modena altro picco

  • Coronavirus, oggi dati in netto calo in Emilia-Romagna. A Modena 203 casi

  • Bozza Dpcm 15 gennaio in arrivo le nuove restizioni. Emilia-Romagna a rischio rosso

Torna su
ModenaToday è in caricamento